lunedì 28 ottobre 2019

STRYX E LE POPPE SU RAI 2


In tema di Halloween televisivo ecco un programma tutto improntato così, ma nato quando ancora in Italia non si festeggiava questa ricorrenza. È il 1978 e la tv di stato prova l'impossibile mai pensato fino ad allora: si fa sexy e produce uno show musical/cabarettistico a tema stregonesco/satanico diretto da Enzo Trapani, con streghe, diavoli e poppe al vento. Un po' come qualche anno dopo  farà Canale 5 col Drive In (impostato su un altro tema e totalmente dedicato ai comici) dove le poppe di Tinì Cansino e Carmen Russo ci saranno, ma semicoperte. La Rai (dico, la Rai!!!) invece osa già di brutto coi nudi e atteggiamenti finto lesbo e difatti succede un putiferio che non ti dico ai vertici della tv di stato coi benpensanti bigotti che vogliono boicottare lo show e le puntate che vanno avanti fino alla penultima. L'ultima infatti, anche se già registrata, non sarà mandata in onda per decisione delle alte sfere che minacciano inquisizioni ed esorcismi, nonché roghi purificatori. Oltre alla mercanzia varia esposta, tra cui quella di una giovanissima Barbara D'Urso,

la parte musicale era affidata ad Amanda Lear, Asha Putli, Grace Jones, Angelo Branduardi, Mia Martini, Patty Pravo, Anna Oxa, 


ed erano inoltre da notare i Rockets che in ogni puntata eseguivano un loro brano presentati come "Cosmodiavoli" 

ed entrando così di diritto nell'olimpo dei gruppi satanici al pari di Black Sabbath e Led Zeppelin suonati al contrario. Chissà se suonando al contrario Gigi D'Alessio...?

4 commenti:

  1. Un programma meraviglioso, forse davvero il più coraggioso della tv italiana.
    L'ultima puntata mi pare sia stata poi effettivamente mandata in onda... trent'anni dopo, su un canale satellitare.
    Stryx: stupendo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mi pare che sia andata.così per l'ultima puntata, ma non l'ho mai vista purtroppo

      Elimina
  2. sinceramente ricordo poco di questa trasmissione. Vagamente mi sembra di averla vista , ma non mi ha dato prove di cose così scandalose da essere messe all'indice.Oggi presumo ne vediamo di molto peggio.
    Buona serata caro amico mio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che volgarità non ce n'erano. Anche i nudi erano per così dire artistici. Però per il 1978 era una cosa molto rivoluzionaria. Bastava prenderla con la giusta ironia, cosa che invece i capoccioni non hanno capito.

      Elimina