domenica 8 dicembre 2019

MORK & MINDY


Che Robin Williams abbia lasciato il segno quando nel 1979 arriva per la prima volta sugli schermi televisivi italiani, non vi è alcun dubbio. Il suo personaggio dell'alieno candido come un bimbo è assolutamente magnetico, la sua recitazione catalizza l'attenzione dello spettatore grazie alle gag in scena, molte delle quali improvvisate anche durante il provino. Un enorme aiuto viene dato anche dallo splendido doppiaggio italiano curato da Oreste Lionello che gli dà anche la voce nelle prime due serie; per dirne una, quando Mork dice "Oh scemo me", la frase originale sarebbe  "Oh shame on me", cioè "Oh che vergogna", che può anche avere già un effetto carino nel contesto in cui la pronuncia, ma doppiata in quel modo invece diventa assolutamente esplosiva. Casi in cui il doppiaggio migliora l'originale. Basti ricordare anche il doppiaggio curato da Mario Maldesi in Frankenstein Junior di cui ho parlato QUI, e la strafamosa scena del "Lupu ululà, Castello ululì" nella versione originale ha tutto un altro significato (Where wolf? There wolf). Il fatto che Mork sia uno spin off di Happy Days non ci frega poi molto, poiché i due episodi che lo riguardano vengono trasmessi molto tempo dopo della messa in onda della serie, per cui il suo successo arriva da solo, senza traino di Fonzie, Richie e compagnia. E Na-No-Na-No diventa un tormentone che nemmeno il saluto vulcaniano di Spock...
Da vedere anche il film per la tv del 2005 La Vera Storia Di Mork & Mindy, dove degli attori interpretano piuttosto bene Williams e gli altri comprimari della serie in un film che racconta i retroscena, i successi, le crisi anche molto gravi legate a questo cult dei primi anni 80.
E poi diciamolo pure senza mezzi termini... ma quanto era bella Pam Dawber?

6 commenti:

  1. La signora mamma Cassidy, racconta ancora (malgrado sia passato parecchio) che due cose incantavano davanti alla tv il piccolo Cassidy medesimo: questo telefilm e l’uomo tigre (storia vera). Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece dell'Uomo Tigre non ho mai avuto molto interesse... di tigrato preferivo Lamù 😂😂😂

      Elimina
  2. Eheh gran bella serie.
    Spensierata, ironica e iconica.
    Vero, ci sono casi dove l'adattamento italiano è intelligente.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che non ci sia di mezzo chi sappiamo noi 😂😂😂

      Elimina
  3. Daje che grande serie era.
    Evyiveva Robin per sempre.

    RispondiElimina