martedì 26 maggio 2020

TALES FROM THE LOOP (CHE NON SIGNIFICA "ATTENTI AL LOOP", MA QUASI)

Anche oggi mi sento di scrivere di una serie tv, ma di questa ne avevo sentito parlare parecchio male; tuttavia ero lo stesso curioso di vedere com'era, perché, da quanto avevo letto, è ispirata ad alcuni lavori artistici di Stalenhag tipo questi:


e io adoro un film bistrattato, ma anch'esso con molte scene ispirate ad opere d'arte, che è The Cell con Jennifer Lopez di cui ho parlato QUI.
In effetti le immagini che ricordano le opere di Stalenhag ci sono, ma passate quelle si affonda in un mare di noia a causa di un ritmo (quale?) lentissimo fino all' esasperazione che sembra allungare il minutaggio così tanto per fare, mentre in mezz'ora si sarebbe probabilmente sviluppato lo stesso concetto con una dinamica decisamente più accattivante senza arrivare per forza alle baraonde della Marvel.
Mi sono quindi arenato tristemente al primo episodio (e quasi addormentato) e non credo di avere il coraggio di proseguire.
Non mi stimola nemmeno il fatto che alcuni dicano che nei successivi il tono migliora, nel senso che se apri una serie in questo modo c'è già qualche problema di base: di solito il primo episodio ti deve catturare e far pensare "wow che figata!" e magari poi perdere il ritmo in seguito.
Certo ci sono stati esempi in cui una serie è partita non esattamente al top: Breaking Bad con il primo episodio non era stata esattamente un campione di ascolti, ma poi sappiamo bene come sono andate avanti le cose perché in qualche modo già si capiva che la storia poteva prendere dei risvolti interessanti.
Anche lo spin off Better Call Saul parte benissimo con i primi episodi, ma poi la prima stagione si arena un po', riuscendo però a risvegliarsi poi in quelle successive e diventare un degno successore del capostipite; e probabilmente non siamo alla quinta stagione per caso.
Ma Tales From The Loop aldilà delle belle immagini non lascia nessuna voglia di sapere di più  perché ti sei fracassato abbastanza i maroni già con la prima visione.
È lì su Prime, per cui se proprio non saprò cosa fare, magari un secondo episodio lo posso provare... augurandomi la buonanotte...

6 commenti:

  1. Ecco una serie che dovrei iniziare, anche se in questo periodo sono alle prese con il recupero di "Better Call Saul", appena terminato passerò a questa. Cheers!

    RispondiElimina
  2. Ahahaha!
    L’hai massacrata.
    Però qualcosa di buono l’hai fatto postando le due opere di Stalenhag...perché non lo conoscevo..
    In effetti ci stanno con la serie..che è molto lenta e a volte noiosetta.
    Io son riuscito a vedere tutti gli otto episodi ed effettivamente c’è ne sono molti di migliori del primo che hai visto te.
    Però non me la sento di consigliarti di ritornare sui tuoi passi e completarla...perché è veramente un mattone.
    Non mi è dispiaciuta tutto sommato ma non mi ha lasciato la voglia di voler seguire un eventuale prossima stagione.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. E' dannatamente lenta, ma a me è piaciuta molto.
    Esteticamente è uno spettacolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito pareri discordanti, quindi qualcosa di buono ci deve pur essere. Ma trovarlo non è facile quando sei appisolato su un divano🙃😂🙃

      Elimina

NOMADLAND E MINARI: DUE PREMI OSCAR 2021 STRANAMENTE COLLEGATI DALLA MUSICA

 Eccomi qui dopo la visione dei due film che hanno portato a casa l'Oscar nell'edizione più recente della manifestazione: Nomadland ...