lunedì 20 gennaio 2020

IL CENTENARIO DI FEDERICO FELLINI


Devo dire una cosa in questo periodo del centenario della nascita di Federico Fellini. 
So che mi tirerò addosso gli strali dei veri critici cinematografici, ma mi sento di fare outing e rivelare (senza cattiveria alcuna) che la mia impressione sul grande maestro è sempre stata un po' particolare, in quanto  sono concorde sull'effettiva bellezza delle sue opere, ma, secondo me, in alcuni casi si è approfittato giocosamente della sua posizione per mettere insieme un po' di (scusate il termine tecnico) tette e culi a random per puro divertimento. 
È questa l'impressione che mi ha fatto in particolar modo La Città Delle Donne, 

in cui accanto a recitazioni mediocri (escluso Mastroianni) e doppiaggi approssimativi, viene messa in mostra parecchia mercanzia (anche troppa), magari non al punto che sembri di vedere quei famosi film con Alvaro Vitali, Montagnani e la Fenech, e quindi certo senza arrivare al pecoreccio o al porno schietto, ma sicuramente all'erotico o, se vogliamo restare sul film d'autore, pasoliniano nel senso di robe tipo Salò senza toccare però gli eccessi allucinanti di PierPaolo

(ma quanto è da stomaci forti quel film eh?). 
Cioè al Federico gli piaceva mettere in mostra le bellezze femminili, e il mondo ad esse relativo, senza girarci tanto intorno, forse quindi il paragone più calzante sta con Pedro Almodovar e il suo modo di presentare storie con contenuto erotico (diciamo anche scabroso dai) recitate da un cast di attori blasonati.
Sicuramente il famoso lato onirico del regista (suo marchio classico) qui ne La Città Delle Donne viene fuori completamente, ma forse prende un po'il sopravvento sul buon gusto, e difatti alla sua uscita ricevette parecchie critiche dai movimenti femministi.
Per il resto della produzione di Fellini, invece se devo scegliere un suo film, il mio preferito è senza dubbio Amarcord con Alvaro Vitali (eccolo lui citato sopra!!!) e Ciccio Ingrassia sull'albero che grida "Voglio Una Donnaaaaaaaaa!!!".

Nonché Magali Noel a fornire le abbondanti quote rosa
insieme alla famosa Tabaccaia...


2 commenti:

FESTA DELLA MAMMA

 Oggi è la festa della mamma e mi voglio mettere su una canzone che si chiama proprio così, madre, cioè  MOTHER dei Pink Floyd, anche se la...