lunedì 12 aprile 2021

THUNDER FORCE E LA FILOSOFIA DI ACHILLE LAURO

 Come Achille Lauro che canta "Ci son cascato di nuovo..." eccomi qui che anch'io l'ho rifatto. Arriva su Netflix Thunder Force


il nuovo film con Melissa McCarthy, diretta dal compagno, e spero ancora una volta dai trailer che possa essere divertente e invece è esattamente la stessa solita sequela di gag mediamente azzeccate che tra uno sbuffo e l'altro ti pare di vedere un film della durata di ZACK SNYDER'S JUSTICE LEAGUE (ormai è diventato come un metro di paragone) e invece è solo 1h e 45 minuti durante i quali ho combattuto anche contro qualche colpo di sonno. Octavia Spencer dovrebbe offrire un valore aggiunto, e invece sta lì come i cavoli a merenda. Ma alla fine mi chiedo... ma perché ci ricasco sempre?

4 commenti:

  1. Per me troppe poche gag, cioè come ho scritto nel mio blog rimane quasi nel guado fra parodia e film serio, e così si ride ben poco..avessero almeno osato di più

    RispondiElimina
  2. Tutte le volte ho la vana speranza che sia come Spy... ma non è mai così😢

    RispondiElimina
  3. Io anche faccio come Achille Lauro, però in questo caso "Me ne frego" e passo oltre. Mi stupisco solo di Octavia Spencer perchè poi Melissa McCarthy al di là del ruolo di Sookie in Gilmore Girls non mi è mai piaciuta 😒

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma li interpretava un personaggio completamente diverso. Poi al cinema ha tirato fuori la sua vera anima... e non so se è un bene🙄

      Elimina

NOMADLAND E MINARI: DUE PREMI OSCAR 2021 STRANAMENTE COLLEGATI DALLA MUSICA

 Eccomi qui dopo la visione dei due film che hanno portato a casa l'Oscar nell'edizione più recente della manifestazione: Nomadland ...