venerdì 23 aprile 2021

MISS SCARLET AND THE DUKE, UNA MINISERIE COME SI DEVE SU RAIPLAY

  Beh inutile negare che la Londra vittoriana abbia sempre un certo fascino. Puoi aggiungiamo che dopo tutte le stagioni di Downtown Abbey e relativo film (di cui arriverà il secondo in autunno), nonché il grande successo di Bridgerton su Netflix, mi serviva un altro tuffo in quei tempi molto vintaggi tra ambientazioni e costumi rigorosi, ma al tempo stesso eleganti e, a seconda di chi li indossa, davvero molto piacevoli da vedere.


Nel caso di Eliza Scarlet (Kate Phillips), ella può vantare un gran bel figurino (lo dice anche un personaggio ad un certo punto nella serie) abbinato ad un carattere pepato quanto basta per caratterizzare come si deve il personaggio protagonista della serie e, mi ripeterò, ma in tali costumi vittoriani trovo che stia benissimo

anche se magari non sono gli abiti più pratici del mondo per menare (succede) e togliersi da situazioni scomode.

Lei è la figlia di un investigatore privato londinese morto in circostanze non molto chiare, che per una questione di necessità economica e anche di passione instillatale sin da piccola dal genitore, decide di portare avanti il mestiere del padre, incontrando però non poca difficoltà e diffidenza perché un'investigatrice donna non si era mai vista e comunque in quegli anni al gentil sesso non erano permesse moltissime cose, tipo il diritto al voto. Dalla sua ha un'amicizia di lunga data con l'ispettore di Scotland Yard, Wellington detto The Duke a causa del cognome, che sfrutta per carpire casi da risolvere dimostrando più volte di essere anche superiore come intuizione al suo collega uomo. Dalla sua l'ispettore approfitterà di Eliza più di una volta per farsi bello agli occhi dei superiori, spacciando per sue tali intuizioni. Non siamo sui livelli action di un Sherlock Holmes di Guy Ritchie e nemmeno nella spensieratezza di ENOLA HOLMES, ma si sorride anche. E il pubblico femminile sarà sicuramente deliziato da Stuart Martin che interpreta The Duke, essendo praticamente il sosia di Hugh Jackman giovane;
praticamente identici, separati solo da una manciata di anni.
Anzi... visto quello che in un episodio mette in mostra fisicamente, consiglierei alla Marvel di farci un pensierino su di lui per un nuovo Wolverine... io la butto lì.

4 commenti:

  1. Ecco una serie che di sicuro mi piacerebbe! Prendo nota...

    RispondiElimina
  2. Ecco cosa guarderò dopo che (lo dico o non lo dico? lo dico!) finalmente stasera finisce Il Piccione Freddoloso Marvel! Mi piacerà di sicuro (la serie intendo eh!), grazie dell'idea!

    RispondiElimina

LA RICETTA DEL GIORNO: PATATE IN PADELLA ALLA JOKER

  Ritornano i miei sogni sgangherati che ogni tanto mi capita di raccontare qui. Dopo l'incontro con i  QUEEN  e il film degli  E.L.&...