lunedì 15 aprile 2019

PINK FLOYD, TOUR ITALIANO

Il 6 luglio 1988, in occasione dell'album A Momentary Lapse Of Reason, i Pink Floyd toccano l'Italia con il loro tour, che li porterà poi anche sulla laguna di Venezia con tutte le polemiche sulla maleducazione della gente accorsa a vedere quel famigerato concerto gratuito e i Pitura Freska che ci facevano pure uno dei loro maggiori successi discografici; gratis si, ma solo di 90 minuti, cioè di durata e allestimento molto inferiore a quello portato negli stadi. Invece al Comunale di Torino lo spettacolo era stato integrale di quasi tre ore, con esecuzioni perfette (gli perdoniamo quando nel coro campionato di Another Brick In The Wall si sente un "We Don't Need" partito nel momento sbagliato, che si può trovare sul triplo bootleg Pink Elephants Flew Over Torino), proiezioni video giganti, maiali e letti volanti. L'unica pecca era che mancava Roger Waters, ma era un brutto periodo per i rapporti interpersonali nella band britannica e le loro strade si erano divise da tempo. Certo è che Roger si è poi ritagliato la sua parte di riscontri live con allestimenti via via sempre più faraonici di The Wall. Quindi tutto bene ugualmente.

Il video amatoriale riporta l'apertura dello show con Shine On You Crazy Diamond e sicuramente sul video ufficiale Delicate Sound Of Thunder audio e immagine sono migliori, ma questo ha un valore diverso perché documenta proprio quel momento lì a Torino, in cui al minuto 1.30 parte un'ovazione per Gilmour che attacca le prime note di Fender, e un po' prima, al minuto 1.07, si sente un' esclamazione tipicamente anni 80, non proprio elegante su parti sessuali di una divinità orientale, rivolta a qualcuno che impallava la ripresa stando in piedi sugli spalti. Ma da sotto il palco, dove mi trovavo con la cumpa quella sera, a una decina di metri circa, non si sentiva altro che grande musica in una serata indimenticabile.

2 commenti:

  1. Che emozione...il fatto di vedere una cosa "fatta in casa" a volte rende più l'atmosfera di un super bluerayquttrocapparimasterizzato 😁😁

    RispondiElimina
  2. Beh, fa un effetto veramente particolare rivedere QUEL momento in cui finalmente hai dal vivo una band che pensavi irraggiungibile.

    RispondiElimina

NOMADLAND E MINARI: DUE PREMI OSCAR 2021 STRANAMENTE COLLEGATI DALLA MUSICA

 Eccomi qui dopo la visione dei due film che hanno portato a casa l'Oscar nell'edizione più recente della manifestazione: Nomadland ...