domenica 15 agosto 2021

BONEY M, UN PO' PER FINTA, MA ANCHE NO (CON UN ULTIMO SALUTO A PIERA)

 I Boney M sono un altro gruppo vocale che mi piaceva un sacco, ma proprio tantissimo verso la fine degli anni 70, gruppo del genere "disco" come i KOOL & THE GANG di cui ho già parlato poiché è scomparso recentemente uno dei fondatori. Per chi non lo sapesse, i Boney M sono anche quelli nominati come merce di scambio da Elio nel Pippero.


Avevo I primi loro due album registrati su cassetta e quanti giri ha fatto quel nastro... Il gruppo in realtà era un quartetto caraibico nato per dare un'immagine alle vocalità di Frank Farian,

il produttore tedesco e cantante che incideva dischi da tempo con tale pseudonimo divertendosi a fare il Barry White teutonico, però aveva il problema che non amava apparire in TV né tantomeno esibirsi dal vivo. 
È suo infatti il vocione caratteristico che si sente in parecchi brani, mentre Bobby Farrell, l'indiavolato ballerino mimava semplicemente il playback; al contrario erano vere invece le stupende voci delle cantanti. 
Ma le malelingue, si sa, ci sono sempre state e perciò il gruppo era stato sospettato in toto di fare solo finta di cantare; forse non a caso sarà sempre Frank che negli anni 80 inventerà anche i Milli Vanilli con i loro playback e tutte le controversie sui Grammy Awards legate a questo piccolo trucchetto... quindi il Farian un pochino il vizio ce l'ha... o si chiama coerenza? Mettiamola così. 
In effetti fino ad un certo punto quelle accuse rivolte ai Boney M di essere finti potevano apparire in parte motivate perché le esibizioni avvenivano in TV sempre in palese playback, senza nemmeno dei microfoni finti in mano, finché un bel giorno del 1977 non ti parte un vero TOUR DAL VIVO

Ed è lì che finalmente si toglie ogni dubbio sulle effettive capacità canore delle due vocalist Marcia Barrett e Liz Mitchell, poiché la terza, Maizie Williams, partecipava solo nei cori. Show con anche qualche piccolo problema tecnico qua e là, ma tuttavia trascurabile. 
Anche Bobby ci mette del suo e infatti invece del classico vocione profondo di Farian, sul palco si sente la sua vera voce che ha un tono graffiante più simile a quello di James Brown piuttosto che alle versioni cantate da Frank su disco, ma che comunque non ci sta per niente male dato che lo show è pieno di energia e costumi sfavillanti,

un po'come lo stile, pure pacchiano ok, portato in scena in quegli anni dagli Earth Wind & Fire, i Jackson 5 ed il trio Labelle,



ed è tutto da ballare con la musica di una vera band esattamente come nei dischi che si incidevano allora (cioè niente campionatori). Canzoni che prendevano così tanto che un mio amico in discoteca, dopo l'upgrade di qualche drink, ricreava i balletti che Bobby eseguiva in RASPUTIN
con effetti a dir poco esilaranti. 
Il successo viene paragonato a quello degli Abba e in effetti molte affinità armoniche nelle canzoni ci sono, però la loro carriera ufficiale avrà una durata molto più breve, dato che non è il caso di prendere in considerazione anche le due o tre nuove formazioni dei Boney M

nate dopo lo scioglimento, di cui una persino capitanata dalla figlia e dalla moglie di Bobby scomparso per insufficienza cardiaca nel 2010. 
Due piccole curiosità tutte italiane sui Boney M: il loro primo album, quello che contiene Daddy Cool e dal titolo Take The Heat Off Me, presenta come title track la cover di NESSUNO MAI
di Marcella firmata da Gianni Bella e Giancarlo Bigazzi, eseguita anche nel live che ho postato sopra, mentre nel 1978 il quartetto è stato ospite del programma TV di Raffaella Carrà, MA CHE SERA,

presentandosi nella seconda canzone del video con una formazione "allargata" a 5 elementi grazie all'aggiunta di una simpatica e divertita Raffa "di colore". Tanto per ricordare ancora una volta un'artista di cui sentiamo già la mancanza. 
E già che in coda siamo in tema di celebrità scomparse, un ultimo saluto a Piera Degli Esposti,

attrice passata dal cinema al teatro in produzioni sempre di un certo tipo (Medea di Pasolini, per dire) e ultimamente vista però anche in TV in cose leggere del tipo di Che Dio Ci Aiuti e I Delitti Del BarLume. 
Ci lascia ad 83 anni. 
Addio Piera. 

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...