mercoledì 24 luglio 2019

RUTGER HAUER


E alla fine, dopo aver visto cose che noi umani non possiamo immaginarci, Roy Batty ci ha lasciati per davvero. A 75 anni il suo interprete Rutger Hauer si è spento dopo una malattia, e, per uno strano scherzo del destino, proprio nello stesso anno in cui muore il suo personaggio nel film. Certo non è stata la sua unica interpretazione cinematografica quella in Blade Runner. Lo ricordiamo naturalmente anche in Ladyhawke di Donner e ne La Leggenda Del Santo Bevitore di Olmi, ma quello del replicante che voleva semplicemente vivere una vita come gli esseri umani veri è diventato il vero simbolo del film di Scott, una spanna più sopra di Harrison Ford se andiamo a vedere, grazie anche alla famosa frase finale che ormai viene ricordata al pari dell'incipit della Divina Commedia dantesca (esagero, si, ma nemmeno troppo) e che Rutger personalmente modificò rispetto a quella prevista dal copione rendendola molto più d'effetto. Al punto che si narra di un applauso sul set dopo che lui la recitò in scena sotto la pioggia. Frase che finiva con "Time to die". R.I.P.


7 commenti:

  1. Ma ci fa piacere ricordarlo così. Certo sarò stato banale nel ricordarlo come Roy Batty, però per me è lui il vero buono del film, anche se qualche cattiva azione la fa, ma è tutto ricondotto al suo desidero di vivere una vita normale, quindi di sopravvivere al killer che gli dà la caccia, cioè Deckard. Per come è strutturato il film però si empatizza con Harrison Ford (vuoi anche perche per noi è quella canaglia di Han Solo). Solo in un secondo momento, a mente fredda ti rendi conto di come siano ribaltati i ruoli.

    RispondiElimina
  2. E se anche Rick Deckard fosse vittima di un "programma"? 😉
    Comunque io ricorderei il buon Rutger anche per Detective Stone, Sotto massima sorveglianza (che voglio rivedere da una vita ma non riesco a ritovarlo da nessuna parte!!!): lo so, sono due flopponi e di serie infima, ma mi piacevano tanto!!

    RispondiElimina
  3. So della loro esistenza, ma mai visti. Comunque Deckard dovrebbe essere un replicante "sbloccato" secondo molte ipotesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha se ti capita guardali!

      Si, riguardo a Deckard infatti la mia era una "provocazione" che avevo letto in giro 😉
      Per il resto, io sto con Daryl Hann....coi replicanti!!

      Elimina
    2. Di quei film tamarri ne ricordo uno con Dolph Lundgren: ARMA NON CONVENZIONALE. Ricordo che mi era piaciuto

      Elimina
    3. Siii ahaha col ciucciacervelli con gli occhi bianchi!!

      Elimina

ADDIO A NED BEATTY

 Ci lascia ad 83 anni Ned Beatty, attore visto in un sacco di film, ma che tuttavia forse non ha mai avuto la popolarità tale da rimanere im...