domenica 7 marzo 2021

2021: L' EDIZIONE PIÙ COMPLICATA DEL FESTIVAL DI SANREMO

 E così Amadeus, con il fido compare Fiorello, è riuscito a portare a termine anche questo Festival concluso con la vittoria dei Maneskin


sottolineata da un bel "porca puttana" della bella bassista (e ripetuto divertito da Fiorello) e che passerà alla storia per essere il primo a norme covid. Cioè la più eclatante delle norme è niente pubblico in sala che crea un effetto veramente anomalo per chi ha seguito da sempre la manifestazione con i suoi alti e (tantissimi, bisogna dirlo) bassi. Ora le norme covid hanno provocato anche un drastico taglio dei tecnici e ne hanno risentito decisamente alcune esibizioni tipo proprio quella dei Maneskin nella prima serata con la voce di Damiano che sovrastava la musica, oppure la terza serata con microfoni che non funzionavano (o semplicemente non era acceso il cursore sul mixer o l'effetto autotune) e un curioso difetto di sync tra voce e musica per Noemi in coppia con Neffa per cui, a causa di un ritardo della base nell' in-ear monitor, la voce del cantante si è sentita fuori tempo, rispetto alla musica per il primo minuto della canzone. Non è ben chiaro se lo stesso ritardo lo avesse anche Noemi (probabilmente si), ma comunque si trattava di un problema solamente tecnico che invece molti giornalisti hanno preferito imputare ad un Neffa svogliato e poco concentrato (Signore perdonali perché non sanno quello che dicono). Ospiti vari che allungano la durata delle serate oltre le 4 ore (!!!), compresa Laura Pausini guantata (non solo lei) e fresca fresca di Golden Globe, mentre Ibrahimovic diventa Tom Cruise per arrivare all' Ariston nonostante un'autostrada bloccata (ma, l'ho detto e lo ripeto che anche se non c'era...). Achille Lauro porta in scena le sue canzoni ogni sera in modo assolutamente unico e stupisce ogni volta. Il trend musicale quest'anno è stato tutto verso le nuove leve (come è giusto finalmente che sia se fai un Festival della canzone italiana) con però la ciliegina sulla torta di Orietta Berti, della quale ho già parlato QUI e praticamente perfetta come Mary Poppins, la quale non ha sfigurato contro quelli che potrebbero essere benissimo i suoi nipoti, con la sua voce stupenda anche se la canzone non si può definire memorabile. Inoltre Orietta è l'unica che ancora utilizza la cassa spia invece degli in-ear monitor, evitando così inconvenienti come quello di Neffa. Altra nota particolare per gli Extraliscio che altri non sono che una manciata di musicisti dell'Orchestra Spettacolo Casadei, compreso quel Mauro Ferrara


(dal look un po' vampiresco a Sanremo) cantante storico della band romagnola,con l'aggiunta di Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti che ovviamente si è presentato con la sua bella maschera da teschio. Anche molto. divertenti Lo Stato Sociale che hanno fatto ogni sera una cosa originale, cioè un minishow di magia e trasformismo dal ritmo frenetico con pure una gag nella prima serata sulla ormai storica frase "Che succede? Dov'è Bugo?" che diventerà famosa quanto "Amici vicini e lontani" di Nunzio Filogamo. Tutto sommato forse le canzoni sono state migliori di altre edizioni (ma Renga... mio Dio!!!). Arisa in qualche modo sembra diventata la sosia di Asia Argento (non capisco se ha fatto qualcosa alla faccia... mah) e i miei preferiti COMA_COSE non sono più loro, non giocano più con le parole come prima e mi manca quel tocco bizzarro e geniale, ma, come dico sempre, ognuno è libero di seguire la strada che preferisce, e anche per loro la strada è appena all'inizio. Gazzè si autoplagia e Bugo non è esattamente in bolla, ma il suo pezzo ricorda Jannacci per certi versi (e pure Vasco), perciò il suo essere strambo ci sta, mentre Madame stupisce tutti con un vestito di Dior mooolto particolare.


Poi, alla fin della licenza (per citare Rostand come nella serata delle cover grazie ad Irama e Guccini) se qualcuno gentilmente mi spiegasse Random... no, perché se fossi Mara Maionchi direi: "Non ci ho capito un c@77o" e gli consegnerei un premio speciale, tipo il premio della critica, ma un po' diverso perché sarebbe il Premio PAVAROTTO

Si, mi sono dilungato un po', ma mai come le serate del Festival, finite a cappuccino e brioches per tutti...

9 commenti:

  1. Devo dire che mi sono divertito, pur non essendoci pubblico e ospiti stranieri, per ovvie ragioni. Ieri ho ceduto verso l'una, non ce l'ho fatta ad arrivare alla fine..contento comunque per i Maneskin, faranno la loro porca figura all'Eurofestival

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla partenza della prima puntata ci sono stati dei miglioramenti. Anch'io ho visto buona parte su RaiPlay perché fino alla fine non ho mai retto.

      Elimina
  2. Bel festival anomalo.
    Son contento per i Maneskin.
    Ehi...però molto tecnico questo tuo post.
    Fai il fonico nella vita?
    Purtroppo non posso confrontarmi perché delle esibizioni che menzioni con difetti tecnici ho visto Renga e il microfono e la canzone ripetuta due volte.
    Memorabile un commento su Fb : son andato in bagno quando cantava Renga...son ritornato e l’ho visto cantar di nuovo, ma che è successo?
    Per il resto quoto tutto quello che hai scritto.
    Adesso parleranno le classifiche di vendita e le radio.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra le tante cose di cui mi diletto e dilettato, si, un pochino si può dire che sono nel settore. Per cui certe imperfezioni mi saltano all' orecchio. Non posso evitarlo😀

      Elimina
  3. Premetto di aver guardato solo pochissimi spezzoni, ho molto apprezzato sia i vincitori che gli Extraliscio. Il monologo di Ibrahimovic purtroppo l'ho beccato, quello dell'ultima sera, e volevo morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RaiPlay ha aiutato molti. Cioè... l'ultima serata era di 5 ore!!! Capisco Victoria dei Maneskin quando le hanno detto che dovevano ricantare e il suo labiale ha fatto capire qualcosa tipo "col gatto" o "col gallo", vista l'ormai imminente alba... o con qualcos'altro di non ben definito😀

      Elimina
  4. Non sono riuscito ad arrivare alla fine nemmeno una sera però ammetto che dopo i primi ascolti una mia top 3 si è configurata da sola in base al parametro: quale canzone ascolterei in macchina o mentre lavo i piatti?

    Eccallà: Maneskin, Lo Stato Sociale e Irama. Anche se non so chi diavolo sia quest'ultimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irama è uno dei tanti usciti da Amici. Il talento ce l'ha. Anch'io Maneskin e Lo Stato Sociale, ma come terzo mi son piaciuti da matti gli Extraliscio.

      Elimina
  5. Vero, anche loro si canticchiano che è un piacere

    RispondiElimina

LEGS WEAVER, UN AMORE DI GIOVENTÙ

 Ogni tanto mi può capitare anche di parlare di fumetti, vista la stretta correlazione che ormai il cinema ha con tali prodotti. E in questo...