martedì 16 aprile 2019

ELECTRIC LIGHT ORCHESTRA E.L.O.

Unire le sonorità dei Beatles ad una sezione di archi, è quello che fece George Martin producendo gli ultimi album dei Fab Four realizzati solo per l'ascolto a casa (difatti non suonavano più live da un pezzo). Ma a Jeff Lynne viene in mente di meglio, cioè creare una band un cui il rock si sposi totalmente con violini e violoncelli anche dal vivo. Se poi questa band produce canzoni le cui sonorità ricordano i quattro di Liverpool, beh questa è colpa della passione che Jeff ha sempre avuto per i Beatles, tant'è che arriverà anche a produrre dischi con George Harrison. Ma gli Electric Light Orchestra, che nascono dai disciolti Move, hanno una loro identità ben precisa e dopo i primi album un po' in sordina, dai quali però arrivavano cover italiane come Questa È Vita di Anna Oxa, arriva il doppio Out Of The Blue verso la fine degli anni 70 e cominciano a fioccare i posti alti nelle classifiche anche in Italia (perché in U.K. comunque già andavano piuttosto bene).

Turn To Stone, Mr Blue Sky per dire un paio di titoli, finché nel 1979 esce il loro maggior successo Discovery, con Last Train To London, Confusion, Shine A Little Love. 

Il trio di archi si accoppia perfettamente a chitarra, basso, batteria e tastiere e sono mitici i concerti in cui la band suona all'interno di un'astronave (quella della copertina di Out Of The Blue) che si scoperchia mostrando i musicisti al pubblico. Purtroppo ogni bel gioco dura poco e, dopo la partecipazione alla soundtrack di Xanadu, nei dischi successivi cominciano a sparire viola e violoncello, finché anche il violino dà forfait e così si va a perdere la parte più particolare del gruppo chiudendo un'era. Jeff, mente creativa, ha poi continuato a lavorare come produttore (con Harrison appunto, ma anche con Roy Orbison), e anche come musicista nei Traveling Wilburys, sempre con George e Roy, con in più anche Tom Petty e Bob Dylan. Per fortuna non tutto è andato perduto e in tempi recenti (2018) Jeff ha rimesso insieme una band per riportare live il sound della sua Orchestra Della Luce Elettrica.

3 commenti:

  1. Devo ammettere che di loro ho ascoltato solo Discovery e mi è piaciuto....hai da consigliare qualche altro album? 😊

    RispondiElimina
  2. Discovery è stato il loro momento top. Proseguito idealmente con la successiva soundtrack di Xanadu (che al di la delle critiche negative ricevute all'epoca è un film da rivalutare se lo vedi e senti con un buon audio 5.1). Precedenti ci sono il doppio vinile Out Of The Blue oppure un bel greatest hits che ti offre l'intera panoramica della produzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok! Recupererò film e album 😊 grazie per il consiglio, Bobby! 👍

      Elimina

SCONTRI STELLARI OLTRE LA TERZA DIMENSIONE, VISTO E RECENSITO DA MADAME VERDURIN

 Oggi passo nuovamente la parola ad un'ospite d'eccezione,  MADAME VERDURIN  che, tramite un gioco da lei indetto sul suo blog, da c...