martedì 16 aprile 2019

SCONTRI STELLARI OLTRE LA TERZA DIMENSIONE - STARCRASH



Cosa spinge un attore di un certo spessore a impelagarsi in una produzione disastrosa? I soldi certo, ma anche il fatto che sul set di Guerre Stellari, il primo della serie, erano tutti convinti di stare a fare un b-movie e invece è successo quel che sappiamo. Per cui in seguito tutti cominciarono a pensarci un po su prima di rifiutare un copione che a prima vista poteva sembrare una vaccata colossale. Succede così che ti chiamano David Hasseloff (Supercar), Caroline Munro (bond girl), il shakespeariano Christopher Plummer e gli dicono "vedrete che poi in post produzione ci saranno degli effetti speciali spettacolari". E questi se la bevono e firmano il contratto. Il risultato è un Guerre Stellari brutto brutto brutto, che assomiglia forse di più a Barbarella di Vadim e da ridere dall'inizio alla fine... Prodotto italiano ma esportato anche all'estero con il titolo Starcrash.

Ah c'era anche Nadia Cassini... almeno una botta di cu#o

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...