giovedì 27 luglio 2023

ERA UNA NOTTE BUIA E...

 ...tempestosa sarebbe il modo in cui si completa il famoso incipit con cui Snoopy scriveva i suoi romanzi battuti a macchina sulla cuccia, ma che in realtà arriva dal romanzo Paul Clifford di Edward Bulwer-Lytton, e l'ho presa in prestito per un anniversario drammatico come quello di oggi, ma che merita di essere ricordato anche in un libro fotografico uscito esattamente 10 anni fa,


dato che era la notte del 27 luglio 1993, quando Cosa Nostra faceva esplodere un’autobomba in via Palestro, a Milano, vicino al Padiglione d'Arte Contemporanea, e poco più di 40 minuti dopo anche la Capitale viene scossa dai boati di altre due auto piazzate una davanti alla basilica di San Giovanni in Laterano, l'altra a San Giorgio al Velabro, vicino al Campidoglio e i Fori Imperiali. 
Nel capoluogo lombardo sono cinque le vittime, mentre a Roma "solo" 22 feriti. 
Nel 2017 la Procura di Firenze aveva riaperto l'indagine su Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri, perché sospettati di tali attentati a causa di alcune intercettazioni telefoniche, e quest'anno torna di bruciante attualità poiché la recente SCOMPARSA del Cavaliere, che, come ricordiamo, ha oscurato anche la contemporanea morte di Francesco Nuti, il quale invece, per fortuna, è stato ricordato a dovere da quelli terra terra come noi, ha ridotto tale sospetto ormai ad un solo imputato. 
Indagine che, come abbiamo visto, non si crea problemi a protrarsi all'infinito, come d'altronde è uso fare per la giustizia italiana, e, dato che il signor Dell'Utri ha i suoi bei 81 anni, ormai è probabile che rimanga insoluto anche un drammatico caso come questo.

A proposito, inoltre, della Notte Buia E Tempestosa, oltre a ciò che batteva a macchina il bracchetto di Schulz, per rimanere in tema con gli argomenti base di questo blog, voglio ricordare che era anche il titolo di un film del 1985 (non proprio riuscitissimo) con i Giancattivi già orfani (solo artisticamente allora) di Francesco Nuti.
E il cerchio, perlomeno questo, si chiude. 

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...