domenica 30 luglio 2023

UN'ALTRA AQUILA HA CONCLUSO IL SUO VOLO

 Ecco che torna la musica qui sul blog perché c'è un altro pezzo degli Eagles storici che se ne va dopo Glenn Frey nel 2016, si loro, quelli di Hotel California, senza dubbio il loro più grande successo commerciale e album dopo il quale Randy Meisner, bassista co-fondatore e voce, lascerà la band per tentare una carriera solista.


Qui sopra ecco la copertina del loro primo Greatest Hits, che comprende le canzoni dal 1971 al 1975, autografata da tutti i componenti di quel periodo.

In effetti Randy nel gruppo era un po' come George Harrison nei Beatles, dovendosi accontentare di una sola canzone scritta di suo pugno da cantare in ogni disco, contro la supremazia di Don Henley e Glenn Frey. 
Randy purtroppo se ne è andato a 77 anni per le complicazioni di una broncopneumopatia cronica ostruttiva da cui era affetto da tempo.

Dal campione di vendite Hotel California eccolo cantare la sua TRY AND LOVE AGAIN, seguita anche dalla precedente TAKE IT TO THE LIMIT, brano tratto da One Of These Nights del 1975 e quindi incluso anche nella raccolta di cui sopra, nonché canzone in cui, secondo alcuni, ha messo in mostra le sue migliori qualità vocali.

E già che ci siamo in questo mood west coast, potrebbe anche esser l'occasione per riascoltare proprio quella famosa hit che è HOTEL CALIFORNIA, alla quale Randy si sentiva comunque molto legato anche se qui faceva solo i cori suonando il basso.

Giusto per curiosità, la leggenda dice che nella grande foto interna del LP, si possa notare nella balconata in alto una figura misteriosa che potrebbe essere Anton LaVey, fondatore della Chiesa Di Satana.

Ovviamente sono solo supposizioni, però il testo di Hotel California sul finale ha un twist alla Shyamalan perché parla proprio di persone (o spiriti) intrappolati in quell'hotel un po' come in Shining. Goodbye Randy. 

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...