lunedì 13 marzo 2023

E QUANDO ARRIVA LA NOTTE, LA NOTTE... DEGLI OSCAR '23

 Si, lo ammetto, adoro la canzone di Arisa, e allora? E venitemi a dire che non è bella se avete il coraggio.


Ma non è di Rosalba Pippa che si parla oggi, bensì del fatto che le previsioni per la Notte Degli Oscar che da un po' di tempo giravano si sono avverate ed è stato premiato, fra quelli in lizza, il film più pazzo e fuori di testa con ben 7 statuette. Sto parlando di EVERYTHING, EVERYWHERE, ALL AT ONCE al quale ho dedicato doverosamente un POST un paio di mesi fa dopo essere stato deliziato da tale visione ed essermi pure divertito a vedere le espressioni basite di chi lo stava guardando con me che non ci stava capendo una mazza rimanendo, per così dire... DI SASSO! (solo chi l'ha visto può farsi scappare un sorriso su questa frase, gli altri ovviamente no). 
Che in effetti, se non sei mentalmente preparato, può capitare di sentirsi spaesati con tutta sta cosa del multiverso fra dita a wurstel, sosia di Elvis e oggetti che vanno ad infilarsi lì.

Qui sopra ecco il cast già premiato ai SAG Awards, però francamente, anche se ci tenevo, non pensavo che in questa notte passata facesse di nuovo questa incetta di premi che sono un bel bottino quindi, visti i precedenti anni in cui si è puntato su film decisamente diversi come spirito (NOMADLAND, CODA), mentre quello di miglior attore protagonista è andato (anche qui le previsioni erano quelle) a Brendan Fraser per la sua performance in The Whale di Aronofsky, e quanto prima vedrò anche questo per poterne parlare con cognizione di causa. 
Eventi eclatanti da mani in faccia, per fortuna, nessuno, però c'è stato un saluto fra le lacrime da parte di John Travolta ad Olivia Newton-John

nonché il ricordo di Gina Lollobrigida che nella sua carriera aveva lavorato più volte con i grossi nomi di Hollywood. 
Mi aggiungo quindi in coda agli addi salutando anche Robert Blake, il famoso detective Baretta della serie tv, deceduto nei giorni scorsi ad 89 anni.

Il ruolo del detective italoamericano gli stava a pennello in quanto il suo vero nome era Michael James Gubitosi, e fra le altre cose, lo ricordiamo anche in Strade Perdute di David Lynch. 
Goodbye Robert. 

16 commenti:

  1. Ho seguito anch'io la notte di statuette in diretta....direi sempre poche quando vorresti premiare più persone soprattutto.
    Contenta per The Whale, Brendan è stato per me il Vincitore, quello che mi ha commossa, l'interprete 'del riscatto', l'interprete degli occhi. Contenta per lui e una volta tanto contenta anche per chi il premio non l'ha vinto....Gli Spiriti dell'isola non ha portato a casa nulla, ma in questo caso come già ti dissi, concordo, mi spiace per gli attori secondari davvero meritevoli ma il film l'ho trovato vuoto oltre ogni logica.
    Concordo, due bei momenti, stanotte, quello commovente di John Travolta nel presentare il video commemorativo (quante dolorose dipartite) , ma anche molto bello il tributo di Lady Gaga a Tony Scott, brividi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Gli Spiriti guarda... Ho sofferto davvero per l'asinella Jenny.

      Elimina
    2. Ahahaha, davvero graziosa, e già che l'hanno portata in scena, davvero una statuetta potevano dargliela!

      Elimina
    3. E se poi se la mangiava come le dita??? 😬

      Elimina
    4. Ahaha, allora sei proprio una canaglia vera 🤣🤣🤣😇

      Elimina
  2. Non ho parlato del film che ha stravinto. L'ho visto in dvd e se riesco tornerò in sala a rivederlo. Era un sera sbagliata o non è il mio tipo di film? Ho faticato parecchio, come già scritto da altre parti, la quantistica di Tenet mi è risultata più semplice 🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai provato a ragionarci troppo. Nel post dedicato del link infatti lo dicevo chiaro che bisogna prenderlo senza stare troppo a pensarci sennò rimani indietro con le scene.
      Anche altri che lo hanno visto mhan detto Embe?

      Elimina
    2. Siamo troppo di testa? Può essere....il primo loro film l'ho amato, per questo film mi sento un po' fuori target, sti multiversi a farla semplice assomigliano tanto agli Sliding doors con in più un montaggio frenetico esaltante ma stressante, finisce che ti perdi qualche procione per strada 😅

      Elimina
    3. Il momento Lavatuille è stato troppo forte dai😂

      Elimina
    4. Per questo li amo, sono veri possono piacere o no...
      Prossimo loro film in cantiere: una storia che dura 100 anni, già sento che mi piacerà 😄

      Elimina
    5. Ah ma allora alla fine ti è piaciuto anche questo oltre a quello precedente con Daniel Radcliffe che faceva il cadavere scorreggione

      Elimina
  3. Sono sempre sincera, non posso dire mi sia piaciuto se non l'ho capito. Ho perso riferimenti, troppo veloce il racconto nel suo procedere, ho il dvd, in un modo o nell'altro lo rivedo, però il primo loro film su di me ha avuto un effetto immediato ma a pelle sti due registi mi ispirano non chiedermi perché 🤷‍♀️

    RispondiElimina
  4. Oddio, allora ho fatto bene a non vedere la cerimonia. Ho già pianto guardando i recap con Fraser e Ke Huy Quan, figuriamoci davanti all'omaggio ad Olivia Newton John...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... In effetti manca un po' a tutti anche se dopo Grease e poche altre cose non è che in Italia abbia avuto quel gran seguito.
      Di lei a me piace persino Xanadu, pensa te.

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DEL SENNO DI POI... SONO PIENI GLI ABISSI

 Risale ad un anno esatto fa quella tragedia sottomarina del Titan dove cinque persone hanno perso la vita sperando di andare ad esplorare i...