martedì 28 marzo 2023

OPPOSTI CHE ATTRAGGONO: CONFUSI E MARE FUORI (E IMMANCABILI ANCHE OGGI GLI ADDII)

 Due serie tv profondamente diverse stanno facendo sfracelli di ascolti e, cosa importante, sono italiane (e su RaiPlay): Confusi e Mare Fuori.


La prima è una sitcom leggera, divertente, mentre la seconda è un pugno nello stomaco, ma entrambe hanno un comune denominatore perché sono interpretate da attori molto giovani, che recitano bene e credono in quello che stanno facendo, per cui il risultato si vede. 
Mare Fuori si avvale spesso dei sottotitoli, per fortuna, poiché molti dialoghi sono in dialetto stretto del sud e parla di delinquenza, carcere minorile, roba tosta insomma, con Carolina Crescentini direttrice del carcere che NON È Cagna Maledetta, ma questo lo sapevamo già. 
Confusi invece è milanese al 100% con ragazzi che convivono in un appartamento e può far pensare un po', con tutto il rispetto, anche a Friends, perciò proprio due mondi diversi. 
Mondi diversi, diametralmente opposti come quelli in cui si muoveva artisticamente anche Ivano Marescotti, attore e regista mancato a 77 anni domenica e visto, sia in teatro che al cinema, barcamenarsi con disinvoltura fra ruoli drammatici shakespeariani e commedie tipo con Checco Zalone.


Proprio quella sua caratteristica aria austera risultava, per contrasto, essere comica in certi contesti e funzionava per tale motivo.
Sempre legato allo spettacolo, ad 84 anni è mancato stanotte anche Gianni Minà, giornalista con all'attivo migliaia di interviste anche televisive a personaggi famosi fra cui un paio a Fidel Castro, interviste anche poi pubblicate in alcuni libri.

Era stato anche il primo conduttore di Blitz, programma Rai della domenica pomeriggio in cui accadde quel fattaccio della bestemmia in diretta lanciata da un furioso Leopoldo Mastelloni, ma in quell'edizione la conduzione era già passata a Stella Pende. 
Gianni (ve lo giuro sui Bee Gees) era anche scherzosamente citato da Paolo Belli con i suoi Ladri Di Biciclette insieme a Baccini in SOTTO QUESTO SOLE.

Ed è con questa canzone che sa già di estate, vespa, mare che mi piace ricordarlo. 
Addio Ivano e Gianni. 

1 commento:

  1. Ho letto, si. Hai scritto giusto due righe 😅. Ben vengano pensieri e parole (come cantava Battisti)

    RispondiElimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DEL SENNO DI POI... SONO PIENI GLI ABISSI

 Risale ad un anno esatto fa quella tragedia sottomarina del Titan dove cinque persone hanno perso la vita sperando di andare ad esplorare i...