mercoledì 1 marzo 2023

UN PRIMO MARZO DA RICORDARE

 La data del 1 marzo è decisamente storica per la musica per due motivi: intanto nel 1973 veniva pubblicato The Dark Side Of The Moon, disco ineguagliabile ed ineguagliato dei PINK FLOYD nato da una fortunata congiunzione astrale e di menti al lavoro che comprendeva quella di Alan Parsons come direttore generale.


Per la precisione questa data è quella della pubblicazione negli Stati Uniti, mentre per l'Europa sarà necessario aspettare ancora 12 giorni. 
Disco di cui si sta parlando anche a causa delle controversie fra i due galli della band cioè Waters e Gilmour, con il bassista che lo ha risuonato e cantato secondo la sua visione e lo ha pronto lì per essere pubblicato. 
Disco che ogni tanto viene riproposto integralmente non solo dai musicisti originali, ma anche da artisti che lo vogliono omaggiare come una vera opera d'arte musicale, e lo hanno fatto sia i Dream Theater che Max Gazzè. 
Non meno importante per la musica è il fatto che, sempre il 1 marzo, ma 10 anni prima, nasceva Il Piccolo Coro Dell'Antoniano in concomitanza della prima edizione dello Zecchino D'Oro che ci incollava alla tv con, oltre alle canzoni, le gag del Mago Zurlì e Ricchetto che il più delle volte finiva trasformato in un asino, 

E grazie allo Zecchino adesso abbiamo artisti come Cristina D'Avena (che può piacere o non piacere però vienimi a dire che non ha segnato un epoca?) ed ogni tanto fra I Soliti Ignoti di Amadeus capita anche qualcun altro che da bambino ha cantato in quella manifestazione. 
Saltando invece al 1983, il 1 marzo è la data della messa in commercio del primo Swatch che da semplice orologio di plastica colorata

ormai è diventato, grazie ai geni del marketing, un oggetto cult da collezione con la gente che fa la fila per comprarne l'ultima edizione in uscita.

E qui nel post adesso il cerchio si chiude perché una delle canzoni di punta del disco dei Pink Floyd era introdotta, dopo un concerto di pendole e sveglie, proprio dal ticchettio insistente di un orologio e si chiamava appunto TIME.

Canzone che era stata cantata pure dal Piccolo Coro Dell'Antoniano allo Zecchino d'Oro del millenovecen... Ehm no, questo no. 
Scherzavo 😜
See you on the dark side of the Moon... 

2 commenti:

  1. Sta fisso nella selezione musicale della mia auto insieme a Boston, Yes e altre cose che non sospetteresti mai come Gatto Panceri, Laura Veirs, Loredana Bertè e Sylvie Vartan

    RispondiElimina
  2. Sfegatato non so, però uno che vede il concerto a Torino poi poche settimane dopo parte da solo per rivederlo a Nizza come lo chiami?

    RispondiElimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...