venerdì 31 marzo 2023

MATANGO IL MOSTRO: UN FUNGHETTO TRALLALLÀ, DUE FUNGHETTI TRALLALLÀ...

 Enrico Ghezzi che parla fuori sync è una visone che alcuni ricorderanno negli anni 90 su Rai3 a notte fonda durante le presentazioni dei film all'interno di Fuori Orario, la rubrica che si apriva con Because the Night cantata da Patti Smith.


Uno di quei film beccati in tale frangente per una botta di c... ehm... fortuna è stato IRMA VEP di cui ho già parlato in diverse occasioni, ma un'altro piccolo cult, presentato da Ghezzi specificando che poi non lo avrebbe mai più trasmesso in tv per cui mi sono affrettato a preparare una VHS in quei pochi minuti di introduzione, è Matango Il Mostro, film giapponese fantahorror del 1963 (ma in Italia arriverà solo 10 anno dopo) diretto da Ishiro Honda, cioè il papà di Godzilla, dove un gruppo di naufraghi formato da uomini e donne, finisce su un'isola che cerca di "assimilarli" trasformandoli in creature fungose.

Soggetto che però, mentre guardavo il film, non mi era del tutto nuovo, e non perché sta faccenda dei funghi potesse ricordare Super Mario Il Film (bruttissimo, ma con un suo perché) di cui proprio ieri ha parlato CASSIDY, ma perché piuttosto era molto simile ad un racconto di William Hope Hodgson che avevo letto anni prima quando ero un accanito divoratore di libri, racconto dal titolo Al Largo (The Voice In The Night), e difatti ho scoperto in seguito che il film di Honda ne è liberamente tratto.
Inoltre, se può stuzzicare la curiosità, tale racconto di Hodgson è contenuto in una raccolta antologica

che possiedo tuttora, nonostante i traslochi, dal titolo HORRORIANA dove sta in compagnia di molti altri autori del calibro di Robert Bloch, Richard Matheson, Ray Bradbury dei quali ho letto pagine su pagine grazie ad Urania, e ci si trova dentro persino Stephen King con il famoso I Figli Del Grano che non poteva certo essere immune da adattamenti cinematografici per cui ce lo siamo ritrovati al cinema nel 1983 come Grano Rosso Sangue e che conta finora ben otto sequel, argomento tra l'altro per puro caso trattato dalla BOLLA proprio oggi. 

Ma torniamo al nostro horror che in realtà lo è per modo di dire, eh, dato che nessun Godzilla ha mai fatto veramente paura, però qui la tensione c'è e trucco e scenografie fanno il loro dovere, tenuto conto che non c'era un grosso budget a disposizione. 
Giusto per pochi intenditori. 

6 commenti:

  1. Leggendoti oggi ho rivisto me stessa, tanti tanti anni fa, fare la stessa identica cosa: guardare Ghezzi (sempre fuori sincro), acchiappare un vhs vergine, registrare Matango e vedermelo con gran gusto (essendo funghi, insomma...). Divertente, e soprattutto un bellissimo ricordo, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che lo abbiamo fatto tutti e due insieme nello stesso momento allora 😀

      Elimina
  2. Wewe. Questo titolo mi era completamente ignoto! E si che in teoria sarei un (semi)professionista del genere! chissà se si trova qualcosa...

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te lo so dire, sulle piattaforme non si trova, ma posso aggiungere che in America era stato distribuito col titolo Attack Of The Mushroom People.

      Elimina
    2. il che se possibile lo rende ancora più interessante.

      vabè dai, un The Last of us ante litteram :)

      Elimina
    3. The Last Of Us potrebbe anche avere avuto una piccola ispirazione, ma prende la strada del road movie

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

MADONNA, BOWIE E I KISS... ARIA DI COMPLOTTO

 Correva l'anno 1974 ed era il 22 giugno, per una strana coincidenza era un sabato proprio come oggi, quando una  allora già peperina qu...