giovedì 30 marzo 2023

LA LEGGE DI LIDIA POET: BELLE IMMAGINI, BEI COSTUMI, MA ANCHE L'ORECCHIO VUOLE LA SUA PARTE

 Avendo un debole per Matilda DeAngelis (anche per lei si) mi è sembrato opportuno dare un'occhiata a La Legge Di Lidia Poet su Netflix, serie incentrata sulla prima donna avvocato che non ha avuto per niente vita facile solo per il fatto di essere di sesso femminile.


Discriminazione a parte, la serie non è esattamente una biografia, ma piuttosto prende spunto da tale personaggio per imbastire un po' di soggetti a sfondo giallo che mi avevano fatto pensare un po' ad ENOLA HOLMES e a MISS SCARLET AND THE DUKE, e che sulle prime non parevano niente male sottolineati anche da una colonna sonora moderna che crea un ottimo contrasto con i costumi sfarzosi (un po' l'effetto BRIDGERTON, per capirci).

Peccato che non si capisca granché dei dialoghi per quel modo di recitare che hanno gli attori delle nuove generazioni (non tutti per fortuna) un po' masticato, strascicato. 
Ma cavoli. 
Un po' di teatro no? 
Lì se non scandisci bene senti arrivare dalle ultime file il solito che grida "Voce!" e con tutte le ragioni di questo mondo.

Certo, con Netflix puoi alzare il volume, ma se le parole non sono comunque intelleggibili che fai? 
Metti i sottotitoli come con MARE FUORI? (necessari lì per il dialetto). 
Insomma fiction seguita dal pubblico, si, ma criticata dall'autrice del libro Cristina Ricci (no, non quella... un'altra) per le licenze che la sceneggiatura si è presa dipingendo in tv una Lidia Poet molto diversa dall'originale.

O forse che anche lei, la Cristina, non aveva capito proprio tutte le parole? 

7 commenti:

  1. Ci ha lavorato un mio amico, ha portato a casa un sacco di storie sulla produzione molto divertenti, sicuramente migliori della serie ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. In effetti ho fatto fatica a comprendere un sacco di dialoghi.. ;)

    RispondiElimina
  3. Molta difficoltà anche noi nel comprendere diversi dialoghi..

    RispondiElimina
  4. Stessi problemi anche per noi, i dialoghi sembravano quasi in "presa diretta"...va bene l'effetto realistico, ma almeno far capire quello che dicono gli attori :D Comunque non ci è dispiaciuta, ma bisogna prenderla per quella che è, una serie ispirata al personaggio storico e non certo una biografia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti erano in presa diretta, ma se si usa tale sistema si deve anche tenere un tono adatto a farsi capire. Esattamente come in teatro.

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DEL SENNO DI POI... SONO PIENI GLI ABISSI

 Risale ad un anno esatto fa quella tragedia sottomarina del Titan dove cinque persone hanno perso la vita sperando di andare ad esplorare i...