lunedì 3 maggio 2021

LOVE AND MONSTERS (E TANTE CITAZIONI ILLUSTRI)

 Come fare un film su misura per il pubblico di Netflix? Prendi un po'qua, un po'là e metti tutto in un road movie con la motivazione dell'ammooreee.


In breve, questo è Love And Monsters, ma non è un difetto, anzi personalmente ritrovare tutte queste citazioni e ispirazioni per me è stato il suo punto di forza. Prima di tutto ci sono gli insetti e gli anfibi giganti

come in ogni b-movie degli anni 50 e 60 che si rispetti (quei film che venivano fatti su misura per i Drive-in), poi c'è Joel, interpretato da Dylan O'Brien di Maze Runner, che parte per un viaggio pieno di insidie solo per ritrovare la ragazza che ama, e anche questo è lo spunto di chissà quante pellicole.

Poi c'è Zombieland, così simile, così palese che Michael Rooker pare proprio Woody Harrelson, ma senza la passione per i Twinky.

E tutto ciò che succede lungo il cammino contribuisce a rendere il nostro Joel sempre più sicuro di se, facendo tesoro di ogni esperienza vissuta lungo la strada. Insomma si salta sulla sedia, si ride, e ci si arriva a commuovere persino per un androide malandato. Beh devo ammetterlo: era da un po'che non apprezzavo così un film, anche perché gli effetti speciali, seppure per la maggiore in CGI, sono realizzati davvero bene. E non mi interessa se qualcuno può insinuare che sia stato scritto tutto a tavolino come una bieca operazione per farlo piacere al pubblico solo perché non è tratto né da un romanzo né da un fumetto; d'altronde dovrebbe essere meglio lavorare così per poter sfornare dei film che sappiano risollevare le sorti delle nostre sale in crisi, invece di certe cose imbarazzanti di cui ho già parlato in questo blog, nemmeno tanto tempo fa...

6 commenti:

  1. "E non mi interessa se qualcuno può insinuare che sia stato scritto tutto a tavolino come una bieca operazione per farlo piacere al pubblico": quindi c'è gente che pensa che un film non debba essere scritto per piacere al pubblico per essere valido? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo non è uno di quei film da premio Oscar o da cineforum. Nel senso che è anche un po'ruffiano per come viene incontro alle aspettative dello spettatore ed evita ogni discorso di filosofia o pipponi scientifici. Anche se a ben vedere il momento con l'androide racchiude molto più significato di quello che può sembrare.

      Elimina
  2. Madonna l’ho abbandonato a metà film: quando si separa da la bambina e l’amico dopo averle regalato il rossetto della fidanzata 😢
    Non son più riuscito a riprenderlo...l’ho trovato noiosetto.
    Senza offesa lo penso un film per ragazzini alla Jumanji ma meno brioso.
    Devo decidermi a vederlo fino alla fine...magari diventa più avvincente.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sarà che a me Jumanji (quello con The Rock) mi è piaciuto un sacco. Io l'ho apprezzato in pieno. Ma ovviamente non possiamo avere tutti la stessa opinione sui film e sulle serie tv. Mi è successo anche recentemente con Tenebre E Ossa che tutti dicono molto bella e invece io non ho retto nemmeno il primo episodio.

      Elimina
  3. Hai frainteso a me Jumanji è piaciuto un sacco più il primo che The next level.
    Jumanji è un film adatto a ragazzi ...pure questo L&M...ma son su due livelli diversi.
    Almeno per me.
    Comunque non conta molto il mio giudizio, non avendolo visto fino alla fine😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo è per ragazzi anche questo. Come lo era Maze Runner con lo stesso attore. Diciamo che non ha una storia sorprendente per originalità, e difatti pesca da tanti altri film. Però è ben fatto e mi ha fatto piacere vederlo. Poi, sai, la mia opinione non è oro colato.

      Elimina

GLI STATUS QUO PERDONO IL LORO BASSISTA E FONDATORE

 Chi non conosce e chi non ha ballato quella canzone, forse la più salterella del mondo, cioè quella che porta il titolo di  WHATEVER YOU WA...