venerdì 1 ottobre 2021

THE ACT: FORSE UN PUGNO IN FACCIA TI FA MENO MALE

 Springfield è un paese abitato da gente un pochino strana, e la serie dei Simpson ce lo ha spiegato chiaramente.


Qui, sempre a Springfield, i protagonisti non sono gialli, ma sono altrettanto bizzarri, in particolare Dee Dee e sua figlia, la quale pare essere affetta da ogni male del mondo, solo che le cose non stanno esattamente così. 
Tratta da una storia vera,

ma più romanzato poi nella sceneggiatura, la serie in 8 episodi si dilunga un po'troppo verso il finale con un ultimo episodio in particolare che pare girato al rallentatore, mentre prima regge bene l'attenzione con Patricia Arquette nella parte della madre che costringe la figlia ad una vita sulla sedia a rotelle e che le nasconde, a lei e al mondo, la sua vera età, mentre lentamente le cose vengono a galla con risvolti inaspettati. 
Nella serie viene veicolato anche un chiaro messaggio sui pericoli che ci sono nei socialnetworks di imbattersi in persone gravemente disturbate che arriverebbero ad uccidere se glielo chiedi. 
E certi soggetti si trovano più facilmente di quanto si possa immaginare. 
Belli i titoli di testa integrati nelle immagini come abbiamo visto in tanti film da un po'di tempo a questa parte. 
Ah, per la gioia di CASSIDY, ci ritroviamo anche il nostro amico Dean Norris da Breaking Bad, guest star nei panni artigliati da cosplayer di un anziano Wolverine. 

2 commenti:

  1. A me è piaciuta abbastanza.
    Poi trovo molto azzeccata la scelta degli attori.
    Molto bravi, l’attore che fa il fidanzato della ragazza sembra veramente lui ( guardando le foto reali dell’uomo nel web).
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuta, ma forse un pochino troppo lenta sul finale quello si

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...