sabato 2 ottobre 2021

ARENA SUZUKI '60 '70 '80: TRA NOSTALGIA E TRASH

 Uno spettacolo chiaramente sponsorizzato da un noto marchio e condotto lo scorso sabato, con la prima di due serate, da Amadeus per celebrare tre decadi di musica.


Lo show all'Arena di Verona parte con gli Europe e la loro THE FINAL COUNTDOWN,
e pensi "wow", che già Ama ci avvisa che poi gli svedesi ritornano ancora più tardi con altre due canzoni cantate da un Joey Tempest in ottima forma con a fianco John Norum che invece ha qualche problema con la bilancia. 
Poi però nel frattempo tutto si smorza con Alan Sorrenti in playback come anche, Samantha Fox, Tracy Spencer e molti, molti altri, ma almeno con loro due si balla perché il disco che suona è esattamente quello che maneggiavamo in discoteca negli anni 80. 
Anche Orietta Berti opta stranamente per il playback, ma le sue capacità sono indiscusse, mentre IVANA SPAGNA
lei si che è dal vivo, ma francamente inguardabile a causa di una chirurgia plastica selvaggia. 
Umberto Tozzi ci riporta ai tempi in cui i jukebox giravano tutto il giorno i suoi cavalli di battaglia, mentre mi sorprendo per SERGIO CAPUTO,
uno dei prediletti dal MR. FANTASY di Carlo Massarini, sempre bravo, ma irriconoscibile così mascherato da Marco Masini. Maurizio Vandelli ripropone il beat dell'Equipe 84, Edoardo Vianello fa diventare tutto ancora più vintage, Loredana Bertè ci ruggisce addosso le sue canzoni con tutta la sua energia live, ancora anni 80 con Sandy Marton, mentre per Johnson Righeira (senza Michael, ma sostituito da Amadeus) lascio parlare LE IMMAGINI.
E stasera ci sarà la seconda serata con quelli che non si sono ancora esibiti presenti in questa lista.

Alcuni nomi sono particolarmente appetitosi, e comunque già so che anche stasera saranno in scena lavori di bisturi (Rettore), gente sovrappeso (Alphaville) e playback malandrino. 
Probabilmente la vedrò come ho visto la prima parte, cioè su Raiplay, senza pubblicità e con il fast forward sempre pronto che è così comodo😊. 
Peccato solo che le decadi non siano 4, perché così anche Amadeus avrebbe cantato i suoi successi tipo Saltellare e Tutti Al Mare... 

2 commenti:

  1. sinceramente sapevo qualcosa su questo avvenimento..chiamiamolo così, ma esattamente mi sono goduta il tuo post...mi basta e avanza. Bravo come sempre a parlare di tutto un po..Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viaggiando in auto mi son sentito un ottimo Vecchioni, la Rettore in playback e poi un fenomenale Tony Hadley che canta meglio adesso che negli anni 80. Su Raiplay sicuramente mi rivedrò le altre performance.

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...