domenica 10 marzo 2024

CHE C'ENTRANO SIMON & GARFUNKEL CON LA NOTTE DEGLI OSCAR? NIENTE, PERÒ... UN PO' SI

  Sentite fermento nell'aria?


Eh beh, se Rai1 ha deciso di trasmettere questa sera la Notte Degli Oscar è normale questo fermento, anche perché in lizza c'è pure Matteo Garrone con il suo Io Capitano in mezzo ai top della gamma che sono OPPENHEIMER, POVERE CREATURE!, Killers Of The Flower Moon (che ho già visto pure quello, ma non ho ancora scritto un post perché non ho capito se mi sia piaciuto o meno) e BARBIE, che è un film tutto scemo, lo ammetto, ma geniale, ed io mi sono uno dei pochi che si è divertito un sacco a vederlo. 
Inoltre si parla anche delle interpretazioni di rilievo di Bradley Cooper e Annette Bening, con Jimmy Kimmel come conduttore e Alberto Matano negli studi di Via Teulada a commentare per l'Italia, per cui, se soffrite d'insonnia, una tazza di latte caldo oppure mettetevi a seguire La Notte Degli Oscar dalle 23.30 di stasera.
Ora attenzione perché arriviamo alla domanda racchiusa nel titolo del post di oggi, perché era proprio il 10 marzo del 1964 quando due ragazzi, Paul (Simon) e Arthur (Garfunkel), finivano di registrare il loro primo disco,

tutto chitarra e voci in acustico dal titolo THE SOUNDS OF SILENCE che finirà, in questa prima versione scarna, ma che verrà suonata così anche nello storico concerto in Central Park, nel loro primo album passato del tutto inosservato, forse perché stava nascendo l'epoca del Beat con l'invasione dei Beatles in America, e qui, nel disco, di beat, cioè di ritmo, non ce ne stava manco un po', tant'è che i due, delusi, se ne andarono ognuno per i fatti suoi cantandosi Amici Come Prima di Paola & Chiara con le pive nel sacco. 
Senonchè (questa storia l'avevo già raccontata TEMPO FA, ma la rinfresco per l'occasione) il loro produttore, che l'anno successivo avrebbe appena terminato la registrazione di Like A Rolling Stone per Bob Dylan, si riascolta quella canzone del duo e sente che c'è del potenziale, per cui non si dà per vinto e, chiamati tre session men a suonare chitarra elettrica, basso e batteria, riprende il master del brano e riveste il pezzo di Paul e Art con un sound elettrico in stile BYRDS,

la band di Roger McGuinn che consiglio a tutti di riscoprire se caso mai non la conoscete (ma non ci credo). 
Di tutto sto lavoro in post produzione (allora non si chiamava ancora così, ma è esattamente quello ed è ciò che faceva anche George Martin sulle ultime registrazioni dei Beatles) i nostri due amici non ne sapevano assolutamente nulla e grande fu la loro sorpresa nel trovarsi dopo due anni nel 1966 al primo posto di Billboard con quel 45 giri. 
Spronati da tale inaspettato successo Paul e Art si rimettono al lavoro e sfornano un secondo album, stavolta arrangiato con più mezzi tecnici e strumentali, che conterrà la nuova versione della canzone, la quale finirà poi, ancora un anno dopo, anche nella colonna sonora di Il Laureato, film che nel successivo 1968 verrà candidato agli Oscar, ma sarà battuto da La Calda Notte Dell'Ispettore Tibbs, con la statuetta che sarà comunque presa da Mike Nichols per la miglior regia. 
E così vedi che anche Simon & Garfunkel c'entrano un po' con gli Oscar.
E stanotte vinca il migliore! 

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DEL SENNO DI POI... SONO PIENI GLI ABISSI

 Risale ad un anno esatto fa quella tragedia sottomarina del Titan dove cinque persone hanno perso la vita sperando di andare ad esplorare i...