martedì 27 ottobre 2020

QUANDO IL GIOCO SI FA DURO, I DURI COMINCIANO A GIOCARE (MA ANCHE GLI IDIOTI... E SONO TANTI)

 Accendo la tv e capito su Retequattro dove stanno mandando immagini in diretta da Torino che mostrano scontri tra polizia e manifestanti che stanno letteralmente distruggendo ogni cosa che trovano sul loro cammino.


In studio c'è una rappresentante dei ristoratori colpiti in prima persona dall' ultimo decreto (un po' scioccherello dai) che impone la chiusura dei ristoranti alle 18 penalizzando notevolmente chi in questi mesi passati si è dato da fare per dotare i propri locali di misure anti-covid ed ora si vede costretto a rinunciare alla fascia oraria più redditizia. Sicuramente quelli che si vedono nelle riprese in tv che stanno facendo casino a Torino sono i soliti che si infiltrano in ogni manifestazione pacifica per approfittarne e fare "bordello" come declamava un ragazzo tanti anni fa in un famoso video di una situazione analoga dimostrando che non sapeva nemmeno il motivo per cui si trovava lì. Quindi, viste le immagini che ora vengono trasmesse dai tg, si potrebbe anche pensare che a mettere a ferro e a fuoco le piazze in questi giorni siano proprio (e soltanto) i ristoratori stanchi dei soprusi subiti, ma attenzione: quasi sicuramente non è così perché andrebbe contro il loro interesse sfasciare auto e vetrine. Personalmente trovo piacevole andare una sera alla settimana a mangiare una pizza, nonostante debba girare con la mascherina e lavarmi mille volte le mani, per cui dispiace molto anche a me questa chiusura serale francamente immotivata e, come ho detto prima, scioccherella, dato che durante il giorno ci si trova comunque stipati su treni, bus e metropolitane; non è che il Covid-19 durante il giorno dorma e si risvegli al calar del sole come i nostri amici vampiri di letteraria e filmica memoria. Era già stato dimostrato che il virus diventava più forte con le basse temperature e più debole con il caldo, difatti siamo riusciti ad avere un'estate quasi normale. Così normale che forse chi doveva pensare a dei provvedimenti per l'inverno successivo, come farebbe una saggia formichina, ha invece fatto la cicala e si è goduto il sole perché tanto ormai si stava bene. E adesso? I reparti di terapia intensiva NON sono stati potenziati, come il personale medico che NON è stato formato e pure i sistemi di trasporto NON sono stati migliorati, ed ora ci si ritrova al punto di prima con la cifra dei decessi in crescita. Anzi no, non siamo al punto di prima perché siamo solo ad ottobre ed abbiamo ancora un lungo inverno davanti, mentre la volta scorsa avevamo già la primavera alle porte che faceva sperare in qualcosa di buono. Ora... io sono qui solo per parlare di cinema e di musica che mi piace e di cose che vedo in tv, per cui cerco sempre di stare sempre leggero con il tono dei miei scritti, ma quando la tv mi fa vedere questo è inevitabile farci qualche pensiero in più sopra. E purtroppo non sono pensieri positivi.... ah! No! Parlare di positivi in questo periodo non è una cosa positiva, ma negativa... però è anche vero che è meglio se si è negativi... Ahia! Mi son perso in una supercazzola e non so se ne uscirò😂😂😂

6 commenti:

  1. Pensa che proprio la settimana scorsa un'amica di mio figlio si diceva preoccupata del lavoro perchè nel ristorante dove fa la cameriera erano in tre, troppi per il giro di clienti che comunque si è ridotto rispetto al normale. E adesso il ristorante la sera è chiuso proprio... Invece in Alto Adige ristoranti aperti fino alle 22, cinema e teatri pure aperti. Due domande te le fai, è inevitabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domande ce ne facciamo tutti, ma purtroppo la risposta la stiamo vedendo. Possiamo solo sperare nei vaccini, ma vedendo come si sono organizzati i nostri governanti finora, non credo che sarà a breve ternine.

      Elimina
  2. Ho fatto un giro veloce stamattina per due affari che avevo da sbrigare, non hanno lasciato una vetrina intera. Fa ridere che ancora qualcuno creda siano stati manifestati e poveri lavoratori, quando erano ultrà e fascisti, tutti noti lavoratori eh? Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sappiamo bene che non sono i commercianti a sfasciarsi da soli i negozi. Purtroppo gli idioti ci sono.

      Elimina
  3. Io penso che ci stiamo comportando bene, vedi gli esempi esteri... Quindi sì, sarà dura, per tutti, molti sono quelli colpiti, ma non si può fare altrimenti.
    Che poi sinceramente già non girava più nessuno, quindi l'economia dal dopo-estate si era spenta da sola.
    Io spero si possa tamponare bene tutto (anche con misure più drastiche) ma farsi un periodo natalizio davvero semi-normale. Chissà.
    Ah, quelli che sfasciano tutto sono dei coglioni.
    E protestano forse solo perché gli chiude il bar per lo spritz, non per il barista che non saprà cosa fare.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo fatto tutto quello che ci è stato detto ed ora siamo di nuovo alle strette. Anch'io ho conoscenti che lavorano nel settore e ovviamente ora sono più che preoccupati. La vedo davvero molto dura.

      Elimina

SPACE JAM THE NEW LEGENDS: DAVVERO NE SENTIVAMO IL BISOGNO?

 Quanto era bello il primo film? Un sacco e pure di più, anche se io personalmente avevo preferito il successivo Looney Tunes Back In Action...