domenica 1 dicembre 2019

RITORNO AL FUTURO LA TRILOGIA


Certamente un film simbolo degli anni 80, forse il più iconico.
Ma molti non sanno che diventerà una trilogia solo dopo molti ripensamenti. Infatti il finale aperto del primo capitolo era stato scritto così com'era, senza pensare necessariamente ad un seguito. Per cui i due capitoli successivi vengono girati innanzitutto sostituendo la fidanzata e il padre di Marty Mc Fly con altri due attori, perché gli originali non sono più disponibili, e poi vengono messi in cantiere a qualche anno di distanza dal primo seguendo il finale originale. Il quale però se andava bene per concludere un film, in realtà, così congegnato presenta un piccolo controsenso nello sviluppo del secondo: pensandoci bene, che bisogno ci sarebbe di andare nel futuro per aiutare il proprio figlio (non ancora nato) a cavarsela da una brutta situazione, se questa situazione si sarebbe verificata solo in futuro? Non sarebbe stato più semplice, sapendo di tale eventualità futura, prendere nota di quanto rivelava Doc e fare in modo che tali eventi non si verificassero, semplicemente aspettando il corso normale degli anni? Eh ma in questo modo non avremmo avuto Biff che torna indietro nel tempo rubando la Delorean e poi il fulmine non l'avrebbe colpita e non ci sarebbero state le gag su Clint Eastwood e il cameo dei ZZ Top e di Flea dei Red Hot Chili Peppers, ecc ecc.
Insomma trilogia spettacolare, ma basata su qualche piccola contraddizione. Ciò non toglie che film come quelli, non ci arrivano più da troppi anni, e la colpa forse è che manca ormai quella speciale alchimia tra regista (Zemeckis), produttore (Spielberg), attori (Fox, Lloyd, Thompson e Wilson), e compositore (Silvestri). E pensare che inizialmente molte scene furono girate con Eric Stoltz nel ruolo di Marty (ci sono in Internet praticamente tutte le parti girate con lui), finché tutti si rendono conto che qualcosa non andava bene e quindi, via si butta via tutto e si girano di nuovo le stesse scene, ma stavolta con Michael J.Fox, che sarebbe stato comunque la prima scelta, ma in quel periodo è molto impegnato sul set di casa Keaton, per cui non si è del tutto sicuri della sua disponibilità. Facendo però salti mortali incredibili, Michael riesce a gestire i due impegni e nasce finalmente il primo film. Recentemente c'è stata una reunion degli attori protagonisti


durante la quale hanno dichiarato fermamente che non ci sarà nessun famigerato quarto capitolo, almeno finché il cast originale sarà ancora in vita. E queste sono le notizie che preferiamo, invece di doverci sorbire stanchi sequel senza alcun motivo di esistere. Grande Giove !!!

7 commenti:

  1. Perché il Marty del futuro era anche lui diciamo, compromesso a quel punto, quindi il suo futuro figlio aveva bisogno di un aiuto esterno, di solito è così che nascono i paradossi temporali, infatti sappiamo com’è andata ;-) Ricordi condivisi, ci sono dei film che diventano ricordi di tutti, per le frasi, le citazioni, per il fatto che lo abbiamo visto tutti più o meno da bambini, “Ritorno al futuro” per prima cosa è questo, un ricordo condiviso, il fatto che sia anche un capolavoro del cinema beh, aiuta ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sulle prime anche a me sembrava che filasse tutto con il secondo film. Poi, ripensandoci un po', ho trovato il classico pelo nell'uovo (sono un po'come Malika Ayane a X Factor 😂😂😂) ma ciò non toglie che resta una trilogia fantastica

      Elimina
  2. Ottimo lavoro Bobby ������������

    RispondiElimina
  3. Ci sta che possano esserci delle leggerezze di trama. Ma appunto, passano in secondo piano (o magari hanno spiegazioni, che diventano persino futili) se il film SPACCA.
    Se fa sognare, se fa divertire... :)

    Moz-

    RispondiElimina

ADDIO A NED BEATTY

 Ci lascia ad 83 anni Ned Beatty, attore visto in un sacco di film, ma che tuttavia forse non ha mai avuto la popolarità tale da rimanere im...