giovedì 14 maggio 2020

YOUR NAME


Si, mi piacciono gli anime e non solo quelli di robottoni come Evangelion; che poi chi conosce "un pochitto" la serie sa, "senza alcuna recalcitranza", che non proprio di robottoni si tratta(un po' di Cannarsi ci sta, dai...).
Ma oggi parliamo di questo anime del 2017, di Makoto Shinkai, che racconta di un ragazzo e una ragazza che quando si svegliano si ritrovano l'uno nel corpo dell' altra e...
No, non è come sembra... cioè la solita storia di body swap con equivoci e momenti imbarazzanti.
Beh, in verità ci sono anche quelli, ma non è solo questo di cui parla questo stupendo anime. C'è molto altro che però non posso rivelare per non spoilerare un evento importante della storia, per cui conviene guardarlo.
Giuro che ne vale la pena, e chi l'ha già visto può confermare.
Anche perché il regista è considerato l'erede di Hayao Miyazaki... può bastare?

12 commenti:

  1. Un filmone.
    Tutti i miei amici sono impazziti, per questo film.
    Mi fa piacere che l'animazione giapponese possa tornare a stupire.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E migliora anche anno dopo anno, oltre che stupire

      Elimina
  2. Anche a me è piaciuto molto, mi sono commossa davvero tanto! Idea originale secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che anche una canaglia come il sottoscritto ha provato una certa commozione. Segno che il film funziona.

      Elimina
  3. Ti confesso che avevo letto la rece di questo anime in un altro blog e non c’avevo capito niente davvero.
    Ho letto qua da te e ci ho capito qualcosa della trama...e mi hai interessato.
    Ho deciso di guardarlo e mi è piaciuto molto.
    Animazioni sorprendenti e storia molto originale .
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che l'hai apprezzato. E anche di esserti stato utile☺

      Elimina
    2. Se hai un blog fammi sapere quale è così ci faccio un giro Max

      Elimina
  4. No non cè l'ho sono solo un lettore.
    Ma ho scritto due cose su un blog di cinema a cui sono molto affezionato e un altro articolo su un altro blog .
    Me lo han chiesto loro i blogger dopo un pò che commentavo da loro.. voglio sottolinearlo.
    Se ti interessa ti lascio i Link è sempre un piacere essere letti , non aspettarti che articoli però ahhah!.
    Grazie per l'interessamento.

    RispondiElimina
  5. Ah per correttezza su quello di cinema proprio ieri ho lasciato un commento su Your name al tipo che aveva fatto un post sul film.
    Molto bello , molto competente ...ci mancava a mio umile avviso una sola cosa ..che invece con le tue poche righe sei riuscito a far te.
    Incuriosirmi a guardare il film.
    Gliel'ho scritto e ho preso come paragone appunto la tua rece ( non che sia meglio o peggio della sua eh.. )linkando questo post per farmi capire da lui quello che intendevo dire.
    Spero tu non ti offenda.
    Se non vuoi cancello il link dall'altra parte ...senza problemi tranquillo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati se mi offendo, anzi😀.
      E si, mi interessano i blog di cinema per cui manda pure i link.
      Il Fiore l'ho conosciuto proprio su quel palco che ho avuto la fortuna di calcare alcune volte.

      Elimina
    2. D'ora in poi dovrete chiamarmi "il tipo di cui Max non ci ha capito niente" hahaha. Ovviamente scherzo, adoro la sincerità e le critiche costruttive. D'altronde hai ragione, una delle genialate di Giuseppe è la curiosità che ti mette con quelle poche righe, adesso anche noi esterni cominceremo a metterle.
      Però vedi che una volta visto il film si è chiarito tutto? È la "ricompensa" per averlo guardato, imposto volutamente i miei pezzi così ;)
      Spero di sentirti ancora!

      Ps grazie al proprietario del bel blog per lo spazio, è molto ben fatto

      Elimina
    3. Benvenuto dalle mie parti☺.
      Si anch'io apprezzo molto Il Buio In Sala per i titoli di film molto particolari che trova e glielo ho anche scritto.

      Elimina

ADDIO A NED BEATTY

 Ci lascia ad 83 anni Ned Beatty, attore visto in un sacco di film, ma che tuttavia forse non ha mai avuto la popolarità tale da rimanere im...