sabato 8 giugno 2024

SE UN GIORNO TI SERVIRÀ UNA COLONNA SONORA, CHI CHIAMERAI?

 Sabato musical cinematografico oggi perché negli States, l'8 giugno del 1984, ovvero 40 anni spaccati esatti fa, usciva Ghostbusters, il capostipite di una saga che tuttora viene portata avanti già con due nuovi film da Jason Reitman, figlio dello scomparso Ivan.


In Italia dovremo attendere fino al 31 gennaio dell'anno successivo (!) prima di fare la conoscenza con gli Acchiappafantasmi più simpatici del mondo e nel frattempo ci ballavamo la TITLE TRACK della colonna sonora firmata da Ray Parker Jr. insieme alle notizie che ci arrivavano da oltreoceano su questo nuovo film che faceva ridere e strillare di paura al tempo stesso, un po' come John Landis ci aveva messi alla prova con Un Lupo Mannaro Americano A Londra.


Penso di non dover nemmeno accennare quale fosse l'altro FAMOSO FILM di Landis dal quale arrivava Dan Aykroyd a formare con Bill Murray e Harold Ramis il nucleo base della squadra alla quale si aggiungerà Ernie Hudson. 
Tutto il film è stato un susseguirsi di gag, battute, situazioni passate alla storia, anche se magari certi effetti speciali non erano poi così perfetti. 
Anzi Ivan Reitman ebbe da ridire quando il film uscì per l'home video in laserdisc (grande come un ellepi, ma distribuito solo negli USA) perché l'immagine era stata schiarita troppo e rivelava molti dei trucchi usati, in special modo le matte paintings che venivano sovrapposte all'immagine ripresa dalla cinepresa risultavano molto più finte. 
Naturalmente avevo già dedicato un post a questo film e, se volete qualche approfondimento, lo trovate QUI, specificando già allora che ogni seguito purtroppo non è mai stato al livello di questo, in particolare il remake tutto al femminile che era da dimenticare del tutto. 
Comunque la colonna sonora, oltre alla hit nominata prima, presentava anche i Thompson Twins, che già erano in un buon periodo per la loro carriera, con il brano IN THE NAME OF LOVE.

Quella lunga attesa di sei mesi aveva dato i suoi frutti facendo cuocere a fuoco lento il pubblico italiano, perché quando quel giovedì 31 gennaio 1985, le nostre sale cominciarono a proiettare Ghostbusters, l'affluenza di pubblico si rivelò esagerata, al punto che alcuni cinema permisero agli spettatori che lo accettavano, di vedere il film anche in piedi, andando poi incontro a sanzioni perché si volava la legge sulla capienza massima del locale.

Concludo con un altro brano non preso dalla soundtrack, ma che riguarda lo stesso il film perché I WANT A NEW DRUG di Huey Lewis & The News era stata usata durante la lavorazione come base per girare alcune scene e quando Ray Parker venne presentato al regista, fu proprio quest'ultimo che chiese al musicista di realizzare un brano simile dato che Huey non era più disponibile essendo impegnato per un altro film in lavorazione che forse ricordate perché si chiamava Ritorno Al Futuro.
Ecco quindi anche spiegato quel sospetto di plagio che per anni ha gravato su una delle canzoni più famose del mondo, quella che alla domanda "Chi chiamerai?" fa gridare tutti in coro "Ghostbusters!!!". 

3 commenti:

  1. Nello stesso giorno di quarant'anni fa usciva Ghostbusters e Gremlins, giornatina eh? ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhmmmm tutti e due con la G... Complotto? 😜

      Elimina
    2. Scherzi a parte, di Gremlin non c'è stato un pezzo da discoteca come Ghostbusters, ma il film ha funzionato bene lo stesso 😊

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...