sabato 15 giugno 2024

IL RE LEONE COMPIE OGGI 30 ANNI

 In Italia i film della Disney sono sempre stati gli appuntamenti fissi del Natale, mentre in America te li facevano spesso uscire persino in estate, come quel 15 giugno del 1994, quando le sale statunitensi, 30 anni orsono, cominciarono a proiettare Il Re Leone,


grandissimo successo dell'animazione con James Earl Jones a dare la voce possente di Darth Vader a Mufasa (per noi in Italia era Vittorio Gassman) e dove per le musiche ci avevano messo mano Hans Zimmer con Elton John, e alla nostra Ivana Spagna era capitato di cantare (benissimo) la versione italiana di Circle Of Life che, appunto conosciamo come IL CERCHIO DELLA VITA.

In Italia il film arriverà il 25 novembre, in preparazione, appunto, delle feste natalizie, ed eccola qui la colonna sonora ad occupare il post musicale del sabato, come con GHOSTBUSTERS la scorsa settimana. 
Qui le canzoni, come questa CAN YOU FEEL THE LOVE TONIGHT, che si ascolta sui titoli di coda cantata proprio da Elton John anche nell'edizione italiana, avevano certo un peso maggiore che nella commedia horror di Reitman.

Non per niente ne verrà ricavato anche un musical, nonché un sequel direct to video ed uno spinoff sempre per l'home video basato sui due simpatici Timon e Pumbaa che nel film di oggi fanno il loro show con la loro HAKUNA MATATA.

Ah già... C'è stato anche il remake in live action/CGI, un'altra delle cose inutili, anche se realizzato molto bene, che si inventa la Disney per fare cassa, ma è appunto una di quelle cose che il mio cervello rifiuta a priori avendo già apprezzato in pieno l'originale. 

2 commenti:

  1. Adoro la saga del Re Leone, e ho apprezzato persino quello in live action.
    Dovrebbe uscirne un altro a dicembre prossimo, o sbaglio?

    RispondiElimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...