martedì 7 luglio 2020

LA FRECCIA NERA



Un commento su un post di Moz mi ha dato lo spunto e voilà ecco qua un bel salto nel passato che manco Marty McFly...
Negli anni della tv in bianco e nero non è raro che la Rai produca delle serie tv che pescano dalla letteratura internazionale, ma tutte con attori italiani.
Capita così che nel 1968 Anton Giulio Majano diriga quello sceneggiato (allora si chiamavano così) dal titolo La Freccia Nera, con Aldo Reggiani, Arnoldo Foà e nientepopodimenochè Loretta Goggi, sì, quella di Maledetta Primavera.
Un'altra cantante appare, ma solo come controfigura di Loretta a cavallo, ed è Fiorella Mannoia, della cui doppia vita cinematografica ho parlato QUI.
La storia si basa sulla britannica Guerra Delle Due Rose e fa il botto di ascolti; ora qualcuno dirà "Hahaha... facile fare il botto se ci sono solo due reti"? Beh onestamente si, ma il prodotto è veramente ben fatto, con scene d'azione e stunt cinematografici.
Resta mitica anche la sigla 

che per certi versi suppongo che abbia ispirato quella della Filibusta dell' anno successivo (molto simile) di cui ho parlato QUI.
Nel 2006 Canale 5 ne realizza (ahia!) una versione tutta virata in italiano con Riccardo Scamarcio e Martina Stella (la Giovane Stupida di Cremonini) che, nonostante la bravura del cast, si allontana troppo dalla vera Freccia Nera del romanzo di Robert Louis Stevenson, facendo rimpiangere l'originale della tv del tempo che fu.
Su RaiPlay.

2 commenti:

  1. Avevo visto questo sceneggiato da bambina e, rimastami la nostalgia, alcuni anni fa mi comprai i DVD per poterlo rivedere. Per fortuna la seconda (e poi la terza visione) mi sono piaciute come allora! Sulla versione con Scamarcio stenderei un velo pietoso XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, noto che la pensiamo allo stesso modo su quel remake

      Elimina

ADDIO ALLA FIDANZATA DI SPOCK

 È morta a Los Angeles Joanne Linville, 93 anni, attrice con una carriera prettamente televisiva (i film a cui ha partecipato si contano sul...