giovedì 9 maggio 2024

UN PIEDIPIATTI A BEVERLY HILLS II: COSÌ PER CASO IN TV

 Qualche sera fa, sono rientrato a casa sul tardi e, nel frattempo che mi sorseggiavo un ottimo latte e menta, ho acceso la tv su Italia 1 dove stava terminando uno dei tanti episodi di Mission Impossible versione Tom Cruise.


Finito il film stavo per spegnere quando vedo che comincia Beverly Hills Cop II che non ho nella mia collezione, cioè quello diretto da Tony Scott dopo l'ottimo lavoro fatto da Martin Brest con il primo capitolo, e sono rimasto subito folgorato dalle immagini anni 80, l'abbigliamento, le riprese, il doppiaggio di Tonino Accolla. 
Insomma non sono riuscito a spegnere la tv nonostante il film sia basato su una storia scema, ma la confezione così ben curata lo fa diventare persino un bel prodotto.

Brigitte Nielsen entra in scena nella prima sequenza alla grande, ma presto scopri che recita come la Bellucci e capisci che è finita nel cast solo per la presenza. 
Film un po' sgangherato come la sua sceneggiatura, salvato quindi da una buona regia e dalla musica che lo accompagna tutto il tempo fra il tema classico di Harold Faltermeyer e brani come I WANT YOUR SEX di George Michael e tanti altri ancora.

Per tutto il tempo della visione poi sono stato lì a cercare di capire le differenze (e sono tantissime) sul modo di fare cinema di 40 anni fa e quello attuale. 
Cioè, i film recenti hanno un ritmo diverso, spesso frenetico, colori troppe volte virati cupi, dialoghi serrati, con trame che se perdi un particolare non capisci più nulla, senza dimenticare quel danno incurabile della telecamera balenga che piace tanto a chi fa il cinema adesso. 
Insomma, tutto un altro mondo, eppure si tratta di un film action come tanti che ne escono ogni giorno sulle piattaforme. 
Solo che questo è di 40 anni fa e si vede, cavolo se si vede, ma in meglio eh... 
Dopodiché, dopo aver sghignazzato un paio d'ore insieme ad Eddie Murphy, ma solo nel doppiaggio italiano, ricordiamolo, perché la risata originale è molto meno esplosiva, sono andato a nanna più felice. 

2 commenti:

  1. Fantastico il primo, ma anche questo secondo non è male ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tony Scott infatti dirige bene. Peccato che sia la sceneggiatura debole, ma ugualmente non sono riuscito a staccarmi dalla visione😉

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...