martedì 8 febbraio 2022

IL FACILE EQUIVOCO DEL "SALVARE LA TERRA"

Quanti discorsi ecologisti stanno arrivando da sempre su come "salvare il pianeta" dal riscaldamento globale, dalla plastica, dall'inquinamento in generale?


E via, tutti a proporre soluzioni per ridurre le emissioni tra pannelli solari, auto elettriche, energie rinnovabili. Soluzioni ammirevoli, ma attenzione che non è il pianeta quello che si sta cercando di salvare in questo modo, bensì la sua popolazione, perché il pianeta si evolve e si adatta ai cambiamenti come ha sempre fatto nel corso dei millenni, e come, nel suo piccolo, ha fatto anche l'uomo per non finire estinto, poiché gli usi e i costumi si sono evoluti al fine di creare un modo di vita più agevole per noi tutti, facendoci spostare nel mondo con velocità sempre maggiori, portandoci il caldo in inverno e il fresco in estate. 
Tutto questo benessere però ha avuto ripercussioni su quelli che vengono definiti "cambiamenti climatici", per cui ci ritroviamo con i balconi fioriti a febbraio grazie a temperature primaverili assolutamente fuori stagione. 
E così la solita farfalla che batte le ali laggiù in un paese lontano, può provocare una giornata di vento anomalo a Milano con tutti i danni che ne conseguono. 
Ma anche trombe d'aria e marine sono state protagoniste dei fatti di cronaca, come terremoti ed eruzioni vulcaniche inaspettate. 
Beh, non c'è da stupirsi troppo, perché il responsabile di questo è proprio il pianeta che noi stiamo cercando di "salvare" che, invece, sa benissimo come cavarsela da solo grazie alla sua lunga esperienza che è un pochino più lunga di quella dell'uomo. 
E lo fa modificandosi e modificando l'ambiente per continuare ad esistere. 
Un po' come la filosofia di Ultimatum Alla Terra (casualmente in onda stasera su Nove), dove l'alieno era venuto per "salvare la terra" (e non il genere umano, badaben) e lo faceva eliminando ciò che provocava i danni maggiori, cioè l'uomo. 
Quindi, non preoccupiamoci più di tanto per "salvare la terra", che lei sa badare benissimo a sé stessa. 
Con questo non vorrei essere frainteso e preso per uno che se ne frega di riciclare i rifiuti e quant'altro. No, niente di tutto questo. 
Volevo solo fare chiarezza sul facile equivoco del concetto di base sul "salvare", perché il pianeta Terra sa benissimo come autosalvarsi, perciò il concetto sarebbe più appropriato se parlasse di salvare la popolazione, ma detta così secondo alcuni assumerebbe un significato egoistico, perciò ci si nasconde dietro il facile alibi ecologista. 
E infatti ci sono già le fantasie su come colonizzare (o rovinare, questioni di punti di vista) i pianeti circostanti come un tempo i conquistadores e il nostro Cristoforo Colombo (costui per puro caso di clamorosa serendipità) partirono per scoprire nuovi mondi che allora parevano lontanissimi, ma che oggi raggiungiamo con voli transoceanci in una manciata di ore. 
Ecco... Tutto è uguale a com'era una volta, ma sempre più in grande, verso l'infinito e oltre, come in questa meravigliosa canzone dei QUEEN,
fino a raggiungere una nuova galassia lontana lontana... 
Mentre la cara, vecchia Terra, anche abbandonata, subirà continui cambiamenti come ha fatto finora, poiché un tempo le terre emerse erano molte di meno e i continenti non si erano ancora spaccati in tanti pezzi più piccoli, ma ci sarà ancora e ancora, sempre che un film come DON'T LOOK UP non diventi una realtà. 
Ne riparleremo su queste pagine web tra un milione di anni...😜. 

2 commenti:

  1. io non ci arrivo mio caro per una questione di mesi a riparlarne, ma quando sento che si vuol salvare il pianeta , un pochino mi viene da ridere. Noi che poi ci avventuriamo con mosse tecnologiche che ammazzerebbero anche un dinosauro se esistesse ancora. Non siamo mai riusciti a salvare qualcosa da quando se ne parla, quindi andremo alla deriva se ne abbiamo tempo e vediamo cosa o vedranno( più facile) cosa la terra ci proporrà! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gradita la tua presenza Nella. Ricambio l'affetto.

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

NELSON MANDELA E INCEPTION

 Esattamente 60 anni fa, cioè il 12 giugno del 1964, Nelson Mandela, attivista anti apartheid e premio nobel per la pace, nonché presidente ...