sabato 12 febbraio 2022

UN PO' DI MUSICA CHE MI PIACE

 Per fortuna mia non sono uno di quelli che nega l'esistenza dei nuovi artisti e si rinchiude dietro un muro di dischi d'epoca tipo dei miei miti come PINK FLOYD, Jethro Tull, Queen, e quant'altro; anzi, mi succede spesso di sentire canzoni che già solo con l'ascolto alla radio mi prendono bene e poi con il video confermano il perché mi piacciano così tanto. È il caso di BRUXELLES JE T'AIME di Angèle,

dal videoclip onirico/ferroviario molto particolare e sensuale come la sua voce e lei eterea al punto giusto con il suo accento accattivante (quanto mi accattiva Angèle). Con Neiked e BETTER DAYS
invece siamo in presenza di un collettivo di musicisti svedesi agli antipodi degli Abba e che, in questo caso, ospita Mae Muller, che pare una sosia di Elettra Lamborghini, ma che canta e sospira un po' meglio dell'artista nostrana, e il rapper Polo G in un brano dalle sonorità che già ci aveva fatto conoscere Doja Cat. 
Non si tratta di plagio comunque e il videoclip cita simpaticamente i programmi della tv anni 80. 
Per finire ABCDEFU
di Gayle, con il suo look emo-goth, dove la F e la U stanno per due parole che si usano per mandare a quel paese qualcuno nella maniera meno elegante possibile e pure con molto livore dentro. 
Ecco, nonostante Sanremo, del quale salvo La Rappresentante Di Lista e poco altro, metto volentieri da parte i lamenti di Mahmood & Blanco in favore di cose che mi danno altre vibrazioni... 
Che non sono quelli che cantavano Tantissimo (sguaiatamente) sul palco ligure eh... 
Concludo il post di oggi con un ultimo saluto a BETTY DAVIS,
ex moglie di Miles Davis il quale, grazie a lei, si era avvicinato al rock e al funky creando quella cosa che si chiamerà fusion. 
Il suo stile ha anche evidentemente influenzato Prince ed altri artisti della scena musicale black. 
Betty, da non confondere con Bette, l'attrice, ci lascia a 77 anni dopo una carriera musicale nell'ambito del funky. Goodbye. 

2 commenti:

  1. Vedo che anche tu trovi lamentoso e inascoltabile Mahmood.
    Ne parlerò nel jukebox di oggi.
    Mamma mia. Eppure ha vinto Sanremo già due volte.
    Sarà che non capiamo niente di musica? Ma meno male! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, già la volta scorsa che Mahmood ha vinto ci ero rimasto male per Ultimo che, non sarà eccezionale, però aveva presentato una canzone molto più bella. Ma qui si va a parare su un discorso complicato di case discografiche che manovrano tutto come pare a loro e ce ne sarebbero di cose da raccontare a riguardo. Cose che ogni tanto saltano fuori come durante una puntata di XFactor dove Samuel dei Subsonica ha spiegato chiaramente riguardo ai brani inediti che artisti come Sia sembrano donare ai concorrenti in gara. In realtà quelli sono brani che, per contratto, l'artista deve lasciare inediti alla casa discografica, la quale ne farà l'uso che vuole. Hai presente i famosi brani che saltano fuori dopo la morte? Ecco, sono esattamente quelli.

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

NELSON MANDELA E INCEPTION

 Esattamente 60 anni fa, cioè il 12 giugno del 1964, Nelson Mandela, attivista anti apartheid e premio nobel per la pace, nonché presidente ...