martedì 7 febbraio 2023

INVERSO - THE PERIPHERAL (CON GRAVI PROBLEMI NON SOLO TECNICI)

 Prime Video ha messo da un po' di tempo sul suo menu una serie prodotta da Jonathan Nolan, fratello e collaboratore di Chris, e Lisa Joy, cioè la coppia di Westworld, serie che si chiama Inverso - The Peripheral, lavoro che pareva avere delle premesse molto interessanti, anche se non proprio originali.


Inverso - The Peripheral parla di una realtà virtuale, ma meno finta di quanto si creda, raggiungibile con un oggetto tecnologico che pare preso direttamente da Strange Days e nella quale finisce Flynne (Chloe Grace Moretz) usando però inizialmente l'avatar del fratello. Quando le minacce del gioco virtuale si presentano anche nella realtà, allora diventa chiaro che non si tratta solo di un gioco e tutto diventa molto più pericoloso. 
Ci sono scene forti e disturbanti, come quella dell'occhio nel primo episodio che mi ha fatto ripensare a AL NUOVO GUSTO DI CILIEGIA, ottimi effetti speciali che modificano una Londra mantenendola riconoscibile, anche facendola diventare futurista, ma sempre con quel tocco retrò che la contraddistingue come i taxi con un look aggiornato, ma sempre quelli che girano da decenni, stavolta però su strade lucide come specchi. 
E a proposito di auto, anche se la vicenda ha origine nel 2033, le auto elettriche non sembrano ancora così diffuse, anzi rombano ancora come adesso (sarà una sottile frecciata?). 
Ora non so se è accaduto solo a me, ma guardando il secondo episodio il giorno stesso che è stato pubblicato, cioè mesi fa, c'è stato un curioso problema audio per cui in italiano si sentiva solo il parlato degli attori senza musica e rumori di fondo, o forse è stato solo il mio televisore che quella sera ha avuto una bizzarra defaillance (me lo avranno hackerato, cosa che in questi giorni è un'abitudine diffusa) e infatti il giorno dopo tutto era tornato in bolla e funzionava perfettamente. 
Ok che c'era l'audio originale che funzionava benissimo, ma son pigro... 
Bisogna dire che molte volte il ritmo cala leggermente (vedi il terzo episodio particolarmente loffio), sempre però lasciando spazio a momenti di tensione sottolineati da una soundtrack opprimente. 
Già da quel terzo episodio però mi sono reso conto del mio personale calo di interesse sempre crescente settimana dopo settimana, forse anche dovuto al dover attendere tutte le volte 7 giorni per un nuovo episodio, e devo dire che con altre serie invece non mi succedeva, per esempio The Boys, dove ogni nuovo appuntamento era talmente carico di cose sbattute un faccia senza mezzi termini che, anzi, doverci pensare una settimana a quanto avevi appena visto forse era meglio.
Tant'è che l'interesse pian piano è sparito del tutto e così l'avevo abbandonata da più di un mese sta serie perché nel frattempo era arrivato talmente tanto materiale da vedere che non mi pareva il caso di perderci altro tempo. 
Ogni volta che aprivo Prime Video però la trovavo sempre nella sezione "Continua A Guardare" e mi chiedevo se magari negli ultimi episodi fosse migliorata. 
D'altronde in passato avevo mollato ELECTRIC DREAMS e poi riprendendola l'ho scoperta molto bella. 
Ci ho riprovato ancora di recente con un episodio, il sesto, che mi ha confermato quello che pensavo quando avevo mollato, anzi mentre lo vedevo pensavo che era talmente verboso che pareva di rivedere il secondo Matrix. 
Ora ne mancano solo due... sarà il caso di riprenderla?
Ma tanto adesso c'è Sanremo... 

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

AQUAMAN E IL REGNO PERDUTO (PER FINTA)

 Il secondo capitolo di Aquaman ha come titolo aggiuntivo Il Regno Perduto, cioè quella mitologica Atlantide che da sempre scatena le fantas...