sabato 6 novembre 2021

ROBERT PALMER E LA CANZONE DELLA RENAULT

 In tv passa in questi giorni il nuovo spot Renault (in realtà era passato già a fine gennaio) e come colonna sonora ha ancora una volta, come negli anni 80 e 90 per un qualche sodalizio/contratto, una bella cover di JOHNNY & MARY

stavolta a nome di The Hybsters Ft. Hannah H., canzone che in origine è un grande successo anni 80 di Robert Palmer, e canzone che se allora avevi i bassi già un po' caricati sul tuo impianto stereo, ad un certo punto, e precisamente al minuto 1.18 del VIDEOCLIP di Robert,

ti tremava la casa a causa di un suono sparato con una frequenza extrabassa che se lo ascolti sulla radiolina non rende, ma con un bel paio di woofer performanti invece sì e te lo senti tutto dentro allo stomaco quel suono che pare una enorme nave da crociera in partenza. 
Lo dico perché il fatto era accaduto davvero a casa di un amico che ci stava facendo ascoltare le prestazioni del suo impianto nuovo poco prima con Selling England By The Pound dei Genesis e che si era lasciato convincere da uno della cumpa a mettere sul piatto quel disco che si era portato dietro. 
Inutile dire che, subito dopo essersi ripreso dallo spavento, il buon cultore del progressive ha verificato con apprensione che la preziosa (e costosa) coppia di casse fosse ancora integra. 
E questa canzone era già di suo un successo mondiale, ma forse il Robert non lo sapeva ancora, quando poi nel 1985 ha inciso anche ADDICTED TO LOVE,
che sarebbe stata quest'altra canzone a diventare un vero e proprio cult per il suo video omaggiato e citato più e più volte con quelle ragazze musiciste (finte) tutte uguali che sembrano disegnate da Patrick Nagel, autore della copertina di Rio dei Duran Duran, per capirci, e tutte dannatamente sexy. 
La prima ad ispirarsi a Robert Palmer è stata Shania Twain che è già bella di suo e basta lei sola a riempire un' inquadratura, ma non paga di ciò non esita a circondarsi delle stesso stile di bellezze fatte con lo stampino, ma stavolta virate al maschile, per il videoclip di MAN, I FEEL LIKE A WOMAN.
Dopo di lei arriverà anche il nostro Luca Carboni a rifare la stessa cosa con le modelle per LUCA LO STESSO.
Ovviamente non si tratta di plagi, ma di evidenti citazioni fatte con affetto per un artista scomparso troppo presto. 
D'altronde lo stesso Robert aveva riutilizzato ancora la stessa idea delle modelle fotocopiate anche nella canzone I DIDN'T MEAN TO TURN YOU ON,
sempre dallo stesso album, dove le ragazze stavolta fanno anche la parte dei tecnici audio e video come poi farà Federico Zampaglione ispirandosi con i suoi Tiromancino in ANGOLI DI CIELO,
e successivamente lo stesso mood ritorna con i singoli tratti da Heavy Nova, SIMPLY IRRESISTIBLE
e nella caraibica CHANGE HIS WAYS,
sconfinando qui persino nella versione cartoon, e legando, forse inconsapevolmente, la propria immagine per sempre a quello stile di videoclip.

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

CINEMA, DISCOTECA E GIORNALISMO IN LUTTO

 Anche oggi purtroppo ci sono degli addii in campi e situazioni molto diverse, partendo, per esempio con Dabney Coleman, 92 anni e attore st...