mercoledì 3 novembre 2021

DUNE (PARTE 1, MA QUESTI MICA TE LO DICONO PRIMA)

 Posso dire una cosa in breve di questo Dune, film di cui tanto si parla, e cioè che è tanto bello visivamente quanto pesante nello svolgersi della storia.


Ma se negli anni 80 con Lynch non avevo colto le idee prese dal romanzo di Frank Herbert e che erano state poi riciclate da George Lucas pochi anni prima per Guerre Stellari, anche perché il romanzo non lo avevo mai letto, in questa nuova versione di Denis Villeneuve mi son balenati davanti agli occhi più di una volta parecchi fotogrammi tratti dalla saga di quella galassia lontana lontana, e non solo. 
I Fremen per esempio, che sono palesemente i Sabbipodi,


in mezzo a sabbia, tanta sabbia come su Tatooine e pure in quel trashissimo L'UMANOIDE con Richard Kiel e Corinne Clery, le discese dalle navi giù dalla rampa/portellone tutti belli schierati, i mezzi cingolati e quelli volanti,

questi ultimi che sono una sorta di libellule meccaniche ma che ti fanno ricordare i Caccia Ala-X, ma tipo fatti al contrario,

e l'arrivo di Jason Momoa che scende dal velivolo sembra preso proprio dal film di Lucas, come i costumi fatti con ampi tessuti grezzi secondo la moda Jedi. 
Nome questo dei cavalieri Jedi che non puoi non collegare a Giedi Primo, il pianeta di origine dei feroci Harkonnen (nome simile a quello di un famoso pilota di Formula 1, ma decisamente diversi nell'aspetto). 
E poi la città che ti appare in volo identica al palazzo della Tyrell di BLADE RUNNER,

anch'esso già di suo somigliante ad una piramide Azteca, anche se qui siamo in casa di Ridley Scott, ma vale lo stesso perché Villeneuve ne ha firmato il seguito. 
E Tremors, eh si degli anni 90, non avrà qualche debito pure lui verso Herbert?
Diverso invece l'effetto che mi ha fatto Stellan Skarsgaard che interpreta il Barone Harkonnen e mi ha ricordato tale e quale Marlon Brando in APOCALYPSE NOW nel modo di sfregarsi la crapa pelata, ma forse questa era solo una cosa mia perché da poco ho rivisto il film di Coppola. 
Quindi tutto un cortocircuito? Una citazione della citazione dell'ispirazione? Non saprei. 
Di sicuro però trovo che Timothee Chalamet,

così sminchio, sia decisamente adatto al ruolo di Paul Atreides che sogna Zendaya e vuole partire per conoscerla personalmente, anche se è facile così eh buongustaio... ma prova a fare gli stessi sogni magari con, chessò, Anna Mazzamauro o Angela Merkel...

Non è la stessa cosa... Come diceva Francesco Guccini nell'intro di Statale 17 dal vivo portando l'esempio fra due racconti identici, ma uno ambientato in America con una Pontiac che corre da Tucson a Omaha e l'altro in Emilia con una Millecento lanciata da Piumazzo a Sant'Anna di Pelago... 
Ma meglio lui dicevo, di quanto invece fosse fuori ruolo Kyle McLachlan con Lynch, troppo maturo e fisicato per essere credibile.

Il fatto fondamentale però è che anche la nuova confezione non è riuscita a farmi piacere la saga. 
Lo so, sono una brutta persona, ma mi sento di non attendere così spasmodicamente il seguito (dai, ditemi, alzate la mano quanti sono rimasti spiazzati dalla storia interrotta così a metà...) dove si vedrà Paul Atreides che cavalca i vermoni e che nel film di Lynch era una scena supportata da effetti speciali pezzenti virati con quel filtro rossastro che pare lo stesso di LA NOTTE DELLA COMETA


che è un B-Movie girato in economia, il che è tutto dire. 
Perlomeno qui con Denis l'impianto scenico è di livello elevatissimo, ma tuttavia non basta per farmelo apprezzare. 
E poi il doppiaggio... mi chiedo perché deve cambiare completamente le intensità delle voci, che qui hanno una funzione molto importante nella storia con il loro potere di condizionare gli altri. 
Voci che sono anche molto diverse da quelle degli attori originali e in particolar modo ci ritrovo quell'Ennio Coltorti ancora una volta fuori luogo tipo come quando doppia J. K. Simmons in JUSTICE LEAGUE e LA GUERRA DI DOMANI
Eh, ma quelli davvero bravi a fare quel certosino lavoro che è il doppiaggio, purtroppo li stiamo perdendo tutti, come ho già scritto diverse volte anche recentemente. 

5 commenti:

  1. Non so se riuscirò a vederlo al cinema... però che palle 'sti film troncati aspettando il seguito. Io ormai se passa qualche mese corro il rischio di scordarmi praticamente quasi tutto del film passato... vabbè 😓
    Ma sai che non conoscevo il fatto di Guccini? Mito assoluto per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovi quel racconto nel disco live inciso con i Nomadi ancora quando c'era Augusto dal titolo Album Concerto del 1979. Cioè pane per i tuoi denti direi...

      Elimina
  2. Ciao Bobby, spiace che la visione ti sia risultata pesante, personalmente sono rimasto stupefatto e gaudente per ogni singolo minuto di questo capolavoro. È vero che il finale netto ti spiazza, più perché sarei volentieri rimasto in sala un paio d'ore ancora per vedere come andava a finire ;) dopo averci pensato a mente fredda mi va comunque bene, l'arco narrativo della caduta degli Atreides si è concluso e il sequel fortunatamente confermato porterà a compimento le restanti vicende.
    Va detto che nella versione originale (la prima che ho visto) sono molto più onesti, sotto il titolo Dune compare un "part one" misteriosamente sparito dalla versione italiana. E anche sul doppiaggio, sperimentato alla seconda visione, devo darti ragione, non restituisce affatto il protagonismo delle Voci originali. Credo però che di doppiatori ancora bravi sia pieno, e lo sono pure quelli che hanno lavorato su Dune, ciò ch'è cambiato rimane l'attuale panorama italiano, dove ci sono numeri esorbitanti di film da doppiare per via delle piattaforme streaming, tempistiche sempre più strette e molta più ingerenza di un tempo. Per dire, una volta il direttore del doppiaggio aveva un potere altissimo, oggi invece le case di distribuzione come la Disney hanno filiali nel nostro paese che si fanno consegnare i copioni e pretendono di dettare loro le regole...

    Comunque al di là delle considerazioni ho adorato questo film, forse anche perché sono cresciuto evitando accuratamente la saga con i pupazzoni e le spade laser, dunque la storia mi è risultata molto più fresca ;)
    Ps il pezzo con Paul che sogna la Merkel mi ha fatto piegare in due hahaha. Immagino che Chalamet non sia un tipo da milf, preferisce le belle coetanee indigene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è un problema mio il fatto di non "sentire" questa saga. Ma diciamolo chiaro dai, avendo Guerre Stellari nel cuore come il mio nome suggerisce (e non dico Star Wars eh...) mi sono abituato ad una lettura più tamarra e fumettistica degli eventi, cosa che invece qui non è così anzi, Villeneuve è tecnicamente perfetto e i suoi film precedenti lo hanno sempre dimostrato dosando la lentezza per farti assaporare la bellezza delle scene. Mi è mancato anche un tema musicale che mi restasse in mente come invece Williams è riuscito a fare in ogni film un cui ha messo la sua musica. Ma vedrò anche il seguito dai... Solo che non sto Fremen...do (battutina) di curiosità, anche perché la storia la conosco.

      Elimina
    2. Capisco anche la situazione doppiaggio che ora è al livello di una catena di montaggio tipo Tempi Moderni di Chaplin 😜

      Elimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

STAI CON ME OGGI? GLIELO DÒ IO L'OSCAR A BILLY CRYSTAL

 Billy Crystal nella sua lunga carriera non ha mai preso un Oscar, ma solo un EMA per  TERAPIA E PALLOTTOLE diviso con Robert DeNiro come c...