venerdì 15 dicembre 2023

SERVE UN DOTTORE, ANZI DUE DOTTORI PER CURARE UNA SERIE TV

 Sarà perché avevo l'hype altissimo per il ritorno di Doctor Who dopo una STAGIONE non proprio fortunata, ma quel primo episodio con David Tennant e Catherine Tate che è stato messo su Disney + mi aveva lasciato molto perplesso perché a metà visione mi sono reso conto che stavo vedendo una cosa quasi per bambini che mi faceva venire in mente una canzone della Bertè, ma scritta da Ivano Fossati, che diceva "dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai".


Ma a pensarci bene, in effetti era proprio questo lo spirito con cui era arrivata la serie 60 anni fa sulla BBC, andando in onda nel pomeriggio in una fascia appunto per il pubblico più giovane. 
Quindi ho pensato: vuoi vedere che l'intento di Russell T. Davies era proprio quello di tornare al passato (haha, detto per una serie sui viaggi nel tempo fa un po' ridere), seppure con i mezzi disponibili attuali?

 
Ma tutto cambia nel secondo episodio speciale dove David e Catherine tengono da soli la scena minacciati dai loro doppi portando a casa un grande risultato, per fortuna, e aprendomi il cuore per aver visto finalmente qualcosa come Dio comanda. 
Questo per arrivare poi al terzo episodio speciale altamente spettacolare grazie anche ad un fantastico Neil Patrick Harris nei panni del Giocattolaio che si produce un una frenetica sequenza sulle note di Spice Up Your Life (Spice Girls che vengono citate anche qui, eh) da lasciarti senza fiato,

e dove avviene anche l'annunciata rigenerazione che stavolta sarà molto diversa, nel senso che si che David Tennant lascia il posto a Ncuti Gatwa, ma, prima volta nella storia del Dottore, non lo perdiamo per sempre, anzi... 
Un po' come se Russell T. Davies, conscio del fatto di aver tra le mani il miglior Signore Del Tempo, avesse lasciato una porta aperta (tipo quella del TARDIS) che non si sa mai. 
Ed ora siamo davvero pronti per lo speciale di Natale. 

1 commento:

  1. Infatti, eppure stranamente da una recente notizia Christopher Eccleston non ha avuto buone parole per Davies e tutto lo staff. Da parte mia la sua incarnazione non mi aveva convinto per niente, e fu così che arrivò Tennant a salvare la baracca già una prima volta.

    RispondiElimina

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...