domenica 10 dicembre 2023

UN ALTRO ADDIO NEL CINEMA E NELLA MUSICA

 È di un paio di giorni fa la scomparsa di Ryan O'Neal, 82 anni,


l'interprete di Love Story, con Ali MacGraw e un giovane Tommy Lee Jones, e film candidato agli Oscar. 
Altre sue pellicole famose sono MA PAPÀ TI MANDA SOLA? con Barbra Streisand e film il cui titolo originale era What's Up, Doc?, come la celebre battuta di Bugs Bunny, e PAPER MOON con sua figlia Tatum, ed è inoltre stato protagonista di Barry Lyndon sotto la direzione di Stanley Kubrick. 
Un'altro momento dell'addio, stavolta nella musica, è arrivato nei giorni precedenti, nemmeno troppo a sorpresa dato che da un po' di tempo era malato, e riguarda Jimmy Villotti, 78 anni. 


Jimmy è stato un chitarrista jazz, blues, ma aperto comunque ad ogni genere e difatti lo abbiamo sentito suonare nei dischi di Francesco Guccini, Luca Carboni, Stadio, Dalla, Morandi, Paolo Conte, il quale gli ha pure dedicato JIMMY BALLANDO.


All'inizio della carriera Jimmy (il cui vero nome è Marco) suonava insieme a Claudio Golinelli, che anni dopo diverrà il bassista di Vasco Rossi e della relativa Steve Rogers Band, e "Attila", ovvero Gilberto Rossi, il futuro batterista di Ivan Graziani (e che comunque anche lui suonerà nel primo album del rocker di Zocca), finché diventerà poi negli anni 70 uno stimato session man e produttore. 
Suo infatti è il disco Pesissimo! degli Skiantos, quello che contiene Mammaz e NON SO COSA FARE.

In parallelo ha pubblicato anche lavori a suo nome e fatto concerti con il suo trio. 
Addio Ryan e Jimmy. 

3 commenti:

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

DOCTOR WHO: SEMPRE AVANTI NEL FUTURO E INDIETRO NEL PASSATO

 La nuova rigenerazione di Doctor Who (perché se siete dei whovians non si parla di semplice serie, ma appunto rigenerazione) mi ha conferma...