mercoledì 18 maggio 2022

EUROVISION SONG CONTEST 2022: ANCORA TRE PAROLE (E NON SONO SOLE, CUORE E AMORE)

 Torno ancora oggi un attimo per esternare alcune mie elucubrazioni sullo show di sabato scorso che ha dato la vittoria all'Ucraina.


Vittoria vociferata da subito e confermata in finale, come per dimostrare nemmeno troppo velatamente a quel tizio là che, nonostante tutto, quel piccolo stato è sostenuto da tutti e qualcosa lo riesce a vincere, anche se, per ora, non si tratta di una guerra. 
Lo show della serata finale vero e proprio inizia solo dopo l'apertura con i Rocking 1000 e subito dopo con Laura Pausini che fa un medley dei suoi successi con cambi d'abito rapidi e un finalino in outfit quasi fetish, 

look estrosi come un po' tutte le cose indossate durante le tre serate firmate da Donatella Versace che trasforma la Lauretta di Solarolo in una vamp.

Tutto ciò al posto dei Maneskin che, avendo vinto lo scorso anno, ero sicuro che avrebbero, come tradizione, dovuto aprire lo spettacolo e invece è stato preferito dargli una collocazione più adeguata allo status di rockstar planetarie che ormai hanno raggiunto: non voglio certo criticare i quattro ragazzi romani, ma dai, cosa non riesce a fare un buon ufficio marketing per creare un mito da spremere finché è possibile? 
Ok, la chiudo qui e lunga vita ai Maneskin con un augurio di pronta guarigione per Damiano che sul palco era sofferente e zoppicante a causa di un incidente occorsogli mentre girava un videoclip. 
In generale quest'anno ho dovuto notare esecuzioni decisamente meno perfette rispetto ad altre edizioni, con il top dell'orrore con i nostri MAHMOOD & BLANCO
assolutamente deleteri per le orecchie, calanti su tutta la canzone con quei falsetti da orticaria (e già sopporto poco la canzone di suo). 
Roba da ultimo posto a calci nel culo e invece sono arrivati sesti... 
Mah... Perlomeno così l'Italia non dovrà sobbarcarsi anche la prossima edizione dello show che invece toccherà all'Ucraina... 
E francamente, messi come siamo messi, la vedo molto dura, ma Zelensky dice di essere ottimista, tanto che la farebbe a Mariupol... 
Comunque sia, l'anno prossimo voglio Malgioglio a cantare sul palco come rappresentante di tutti gli stati dove ha avuto un fidanzato: praticamente sarà un One Man Show 😜. 

4 commenti:

  1. Io ho trovato gli outfit della Pausini (ma anche il suo trucco e parrucco) decisamente orripilanti, tanto quanto la peFFommance di Mahmood e Blanco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specie la seconda sera la Lauretta pareva truccata da drag queen. Per gli abiti la Donatella ha puntato altissimo, nel senso dell'eccesso

      Elimina
  2. Era così prevedibile che vincesse l'Ucraina, sebbene non lo trovi giusto. Perché, in questo modo, dovrebbero vincere anche nel calcio, nel tennis e ovunque.
    L'arte e lo sport dovrebbero essere tenuti fuori da questi conflitti, e la solidarietà ai popoli vittime di guerre andrebbe espressa diversamente.

    P.S. Sai bene che anch'io non sopporto "Mammut". ;)

    RispondiElimina

GRAVITY: IL FILM SBAGLIATO CHE PIACE A SAMANTHA CRISTOFORETTI

 Gravity, film del 2013 di Alfonso Cuaron, è uno di quei film altamente spettacolari che però se lo vai a vedere con l'amico pseudo-scie...