mercoledì 21 giugno 2023

ZEROCALCARE - QUESTO MONDO NON MI RENDERÀ CATTIVO (MA MI FARÀ PENSARE)

 Anvedi oh, la nuova serie arraffica di Zerocalcare su Netflix come sta a partì abbomba co' li Clash e poi tutti li brani che se sentono so' uno più bello dell'altro


tipo per esempio, oltre alla sigla sempre de Giancane, ci stanno i Cure, gli Oasis, i Chumbawamba, gli Hanson, The Connells, Lou Reed, gli 883 (questi in un contesto quasi da Trainspotting), e poi c'è sta pure Berlusconi, che nun canta però, ma anche Bridgerton, i Men In Black,

Indiana Jones, I Blues Brothers e tanto altro, tutto ad un ritmo che tte se sbatte'n faccia come 'na mazzata che in ogni episodio de mezz'ora ce stanno mille cose come pure il problema de li migranti e li nazisti. 
E pure te se strigne er core in certi momenti che stanno a diventà così de botto drammatici (succedeva anche nella serie precedente sul finale, mentre qui invece sta a capità spesso). 
C'ho avuto un solo dubbio che ho detto "oddio nun è possibile", cioè quanno arriva quello strano errore che sta a confonne il pilota di Jeeg Robot con Actarus di Goldrake,

ma chissà... 
Magari era voluto pe' mettemme alla prova. 
Valerio Mastandrea fa sempre parlà l'armadillo/coscienza del protagonista con momenti da rotolasse dal ride perché nun te li aspetti e per come so' parlati pure quelli arraffica come d'altronde tutti i dialoghi e tutte le trovate visive che cce stanno in ogni episodio; trovate che nun ve spoilero (anche se qualcosina, mannaggia, m'è scappata lassù). 

E mó s'annamo a pijà'n gelato mentre ce stamo a sentì THE STRUMBELLAS.

3 commenti:

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

CINEMA, DISCOTECA E GIORNALISMO IN LUTTO

 Anche oggi purtroppo ci sono degli addii in campi e situazioni molto diverse, partendo, per esempio con Dabney Coleman, 92 anni e attore st...