domenica 18 giugno 2023

LO SPAZIO È PER LE DONNE

 Proprio lo scorso VENERDÌ ho ricordato quello che è stato il primato dei sovietici nella corsa alla conquista dello spazio con il quale, grazie a Valentina Tereshkova, avevano battuto gli americani mandando prima di loro una donna in orbita.


Ma non solo, perché sti russi, giusto per rigirare il coltello nella piaga, ci avevano mandato pure la seconda donna in assoluto che era Svetlana Evgenevna Savickaja, ma questa nel 1982, mentre gli Stati Uniti, dopo aver rosicato a più non posso, dovranno attendere fino al 18 giugno 1983 per riuscire nella stessa impresa,

quando nello spazio ci manderanno la loro astronauta Sally Ride, che infatti nella foto "ride" (eh... son cretino lo so...), la quale, al contrario delle colleghe sovietiche tuttora in vita che si stanno godendo la pensione, è purtroppo mancata nel 2012.

Ovviamente, l'America cercò di pompare al massimo tale evento con l'intenzione di oscurare i russi, e venne pure prodotta una Barbie a forma di Sally, ma che a me ricorda forse più la Ripley di Alien (ma lo so... è il mio cervello che funziona così). 

Forse ispirato dal primo successo russo, il buon Gerry Anderson si era portato avanti nei primi anni 70 con la mia serie tv preferita, cioè U.F.O., dove immaginava che una base lunare di difesa contro le invasioni aliene fosse comandata da personale femminile, magari però lasciandosi un po' prendere la mano dalle idee fashion della moglie Sylvia che aveva inventato delle divise piuttosto particolari per quel personale.

Divise che comunque sono rimaste iconiche forse più dei pigiamini di Star Trek. 
E soavemente traghettato così dal gentil sesso spaziale in un più serio tema di addii domenicali, resto ancora in odore di fantascienza e, per tutti i nerd che credono ancora nella carta stampata a fumetti, devo segnalare la scomparsa nei giorni scorsi di John Romita Sr. a 93 anni,

famoso disegnatore della Marvel il cui figlio è, insieme a Mark Millar, il papà di Kick Ass, mentre lui, John Senior, ha avuto l'onore di essere il primo a disegnare Spiderman. 
Sarà sua anche la paternità di The Punisher.

Sempre di carta si parla, ma sotto forma di libri, nel caso di Cormack McCarthy, 89 anni ed autore, fra gli altri, del romanzo Non È Un Paese Per Vecchi dal quale i fratelli Coen ne hanno tratto un gran bel film nel 2007 con Tommy Lee Jones e Javier Bardem.

Perché, gira gira, vedi che sempre di cinema si va a parlare. 
E appunto, concludo con il cinema e l'addio all'attrice britannica Glenda Jackson, 87 anni e due volte premio Oscar negli anni 70 per Donne In Amore e Un Tocco Di Classe, e in seguito, in tempi più recenti, diventata per un certo periodo anche parlamentare.

Goodbye Glenda, John Sr. e Cormack. 

Nessun commento:

Posta un commento

Non c'è moderazione per i commenti perché sono un'anima candida e mi fido.
Chi spamma invece non è gradito per cui occhio!
Tengo sempre pronto il blaster.

NELSON MANDELA E INCEPTION

 Esattamente 60 anni fa, cioè il 12 giugno del 1964, Nelson Mandela, attivista anti apartheid e premio nobel per la pace, nonché presidente ...